TEATRO E PSICOLOGIA A FIESOLE

tepHomeFIRENZE. Tra le riforme di Pietro Leopoldo, che hanno delineato il profilo della Toscana moderna, è forse meno nota ma di grande importanza storica la “Legge sui pazzi” del 1774. Si tratta di uno dei primissimi atti legislativi (forse il primo d’Europa) a favore delle donne e degli uomini affetti da disagio mentale.

Alla legge, di ispirazione illuminista, il Granduca fece seguire un concreto sostegno alla costruzione di una struttura ospedaliera che ne seguisse i principi, finanziando tra l’altro l’attività dello psichiatra Vincenzo Chiarugi, incaricato della cura degli «spedali fiorentini» e di redigere il regolamento dell’Ospedale di Bonifazio, dove «cento camere ventilate e fornite di tutti i comodi, ed utensili occorrenti, con Deposito, Spogliatojo, Bagni, Corridori, Oratorio, o Coretto per comodo di udir la Messa, e passeggi erbosi, formeranno la porzione di fabbrica, da destinarsi ad uso di Spedale dei Dementi Uomini» (Regolamento dei regi spedali di Santa Maria Nuova e di Bonifazio, Firenze, 1789).

Per ricordare la posizione pionieristica della Toscana di Leopoldo in materia dei diritti umani legati alla salute mentale, il Teatro dell’Elce propone un’iniziativa sul rapporto tra il teatro psicologico e gli odierni percorsi terapeutici che dal teatro traggono ispirazione, spunti e procedimenti.

Laboratorio teatrale

Dal 2 al 6 gennaio il regista Alessio Bergamo, coadiuvato dagli attori Domenico Cucinotta e Massimiliano Cutrera, terrà un laboratorio sulla metodologia dell’analisi del testo drammaturgico mediante l’azione, applicata a “Il giornale di un pazzo” di N. V. Gogol’.

Il laboratorio è gratuito e i partecipanti saranno selezionati in ordine cronologico di richiesta fino al raggiungimento di 15 iscritti. Per iscriversi, inviare una email con una breve motivazione e un cv a info@teatrodellelce.it.

Per informazioni: info@teatrodellelce.it.

Luoghi: 2-3-4 gennaio 2016, Teatro della Limonaia, via Gramsci 426, Sesto Fiorentino; 5-6 gennaio 2016, Società Filarmonica G.Verdi, via Marini 13, Fiesole. Orario: 10-18.

Incontro pubblico con proiezione del documentario Col nome del delirio
Mercoledì 6 gennaio alle 21 la Casa del Popolo di Fiesole (via Matteotti 27/29) ospiterà un incontro pubblico sul tema “Teatro e psicologia. Un percorso multidisciplinare dalla Legge sui pazzi” del Granduca Leopoldo agli odierni interventi terapeutico-riabilitativi in salute mentale”.

Interverranno il regista Alessio Bergamo, la psicoterapeuta Bianca Pananti (specializzata in tecniche attive e teatrali), lo storico Simone Malavolti; modera l’incontro il regista Marco Di Costanzo.

Seguirà la proiezione del documentario storico e autobiografico “Col nome del delirio”, prodotto dall’associazione culturale Passaggi di Storia con il contributo del Quartiere 2 e realizzato da Bianca Pananti, Simone Malavolti e Leonardo Filastò.

Il documentario è un racconto a più voci nel quale i protagonisti ci offrono la possibilità di rivivere alcune tra le pagine più interessanti della storia di San Salvi dal dopoguerra ad oggi.

Un progetto del Teatro dell’Elce per la Festa della Toscana 2015 – Le riforme di Pietro Leopoldo e la Toscana moderna. Con la compartecipazione del Consiglio regionale della Toscana.

Info: info@teatrodellelce.it – +39 055 245723.

[teatro dell’elce]

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento