THE FLEXX, PRIME RIFLESSIONI ESTIVE

Michele Antonutti [foto Maestripieri]
PISTOIA. Sono ormai passati diversi giorni, ma, se ripenso all’ultima sciarpata biancorossa della stagione – che sarà, sarà! – il brivido e la pelle d’oca sono sempre le stesse. Amo Pistoia, adesso lo dice anche Ronald Moore e bisogna credergli. Il nostro è l’ambiente ideale, un po’ ce la suoniamo e ce la cantiamo però deve esserci del vero se tutti i giocatori che passano da Sant’Agostino, fatta salva qualche insignificante eccezione, ci portano nel cuore per sempre.

Che sarà, dunque? Esauriti i doverosi ringraziamenti per una stagione fantastica, si può provare ad accennare un primo ragionamento di prospettiva. Troppo presto? Forse sì, ma del resto da adesso fino a fine luglio sarà complicato avere novità sostanziali e qualcosa il buon cronista deve pur sempre scrivere.

Partiamo dal Capitano. Girano voci qualificate, più di una estremamente qualificata in verità, secondo le quali fino a qualche settimana fa il buon Antonutti non avesse troppo gradito il minutaggio cui è stato costretto da infortunato, finendo per giocare troppe partite non all’altezza delle proprie qualità. Troppe gare, insomma, in cui, in condizioni normali o comunque in altre realtà, sarebbe stato tenuto a riposo e maggiormente tutelato. Bene informati aggiungono che, in quelle settimane, il bravo Michele sia stato addirittura messo sul mercato, o quantomeno in discussione. Ora, non vi è dubbio che il capitano sia stato costretto a degli straordinari e che, di fatto, li abbia giocati oggettivamente male senza averne colpa. Certamente non deve essere gradevole sentire i mugugni dagli spalti per un canestro sbagliato quando fai fatica a muovere la spalla e sei dannatamente condizionato nel gioco. Se poi è vero che è stato messo sul mercato, è più che comprensibile un certo risentimento. Tuttavia, pare che l’ottimo finale di stagione, oltre che il rinnovato feeling con la piazza, abbiano fatto cambiare idea a Michelone.

Diciamo così, con la conferma di Esposito – la dirigenza, nella giornata di giovedì 01 giugno farà un’offerta migliorativa al procuratore di Esposito di circa il 30% dell’ingaggio oggi percepito, non dovrebbero esserci problemi soprattutto perché il coach dovrebbe ricevere garanzie sulla miglior qualità del roster che si andrà a costruire – dovrebbe facilitare la permanenza di Antonutti, fedelissimo di Vincenzino, tuttavia non si possono escludere in assoluto altre scelte.

Michael Jenkins [foto Maestriperi]
Vi è poi la questione Michael Jenkins. Resterebbe anche lui volentieri, almeno a sentire le dichiarazioni nel giorno dei saluti.

Ora, partiamo da un punto fermo, salvo clamorosi colpi di scena non faremo mai la coppa. Meno male, aggiungo io. E’ troppo presto per andare in Europa, lo sappiamo tutti. Manca probabilmente anche la struttura societaria adeguata prima ancora che i lilleri, sicuramente non è il caso di diventare una barzelletta come la Varese degli ultimi due anni. Non possiamo nemmeno scordare che il declino dei gloriosi anni biancoazzurri cominciò a seguito della prima ed unica partecipazione all’allora coppa Korac. Insomma, riparliamone più avanti.

Detto questo, se da un lato è vero che girano voci per cui dovremmo essere in grado di allestire un roster un pizzico migliore rispetto agli anni passati, probabilmente Michael resta ancora nella fascia dei troppo costosi. Tra l’alto, a volerla dire tutta, se è vero com’è vero che ha alzato decisamente il livello rispetto a Roberts – non propriamente una mission impossible, la sua – è altrettanto vero che, se si considera quanto costerebbe da settembre a giugno non è nemmeno che abbia fornito queste prove così eclatanti. Staremo a vedere, dunque, ma a naso pare difficile ritrovarlo a Pistoia.

Pare molto vicino, invece, il prolungamento di Lombardi, cosa della quale non possiamo che essere felici visti i progressi maturati ed il cuore che, in ogni singola partita, Eric mette in campo.

A breve, infine, l’apertura della campagna abbonamenti. Ci dovrebbe essere un piccolo ritocco del prezzo, nulla di eclatante e comunque in linea con gli aumenti fisiologici che ci sono anno dopo anno. Sarà una lunga coda al botteghino, ne sono certo.

[Luca Cipriani]

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT64H0306913834100000008677 su Intesa San Paolo Spa - Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento