THE FLEXX, UN FUTURO MENO INCERTO

dalla pagina facebook di Lorenzo Vettori
Dalla pagina facebook di Lorenzo Vettori

PISTOIA. Voglio aprire questo pezzo con due parole sulla Giostra dei rioni versione palla a spicchi. La manifestazione è bella e veder giocare tanti amici nella splendida cornice di piazza del Duomo ha un fascino molto particolare.

L’idea è stata geniale – grande Gek – ed è molto significativo riconoscere la passione che anima tutti quelli che si adoperano per montare il campo la notte precedente, facendo ore piccole nonostante il lavoro e la famiglia, per poi curare tutti gli aspetti organizzativi e restare operativi anche a festa terminata, per ripulire la piazza. Tanto di cappello, davvero.

La vittoria è andata ancora una volta al rione del Presidentissimo Vettori. Unico neo la finale, complice probabilmente il fatto che è stata giocata di lunedì sera, non ha visto il pienone delle edizioni precedenti, questo nonostante che il livello qualitativo della pallacanestro giocata sia stato oggettivamente migliore e stia salendo di anno in anno. In questo senso la menzione speciale è per la squadra del Grifone, capace di contendere la vittoria ad un Drago onestamente più forte grazie ad una bella organizzazione di gioco.

A questo punto, per rilanciare la manifestazione e radicarla maggiormente nel patrimonio cittadino, mi sento di suggerire un paio di idee. La prima è quella di abbandonare progressivamente l’intervento di esterni. Se qualche anno fa era più che normale alzare il livello tecnico con qualche “ospite”, dalle prossime edizioni sarà necessario cercare di pescare davvero all’interno dei vari rioni, lanciando in piazza magari qualche giovane leva, certamente meno esperta ma sicuramente pistoiese a tutti gli effetti. Nell’attesa di poterlo fare, non sarebbe male riuscire a limitare l’utilizzo

Ronald Moore
Ronald Moore

degli ospiti ai giocatori del Pistoia Basket e del Bottegone, così da dare un briciolo di senso comunitario a tutta la festa.

La seconda è quella di riuscire ad ottenere un maggior coinvolgimento dei figuranti dei vari rioni. Senza ovviamente pretendere lo sforzo organizzativo tipico del 25 luglio, sarebbe bello vedere la consegna del cencio all’effettiva presenza del rione vincitore.

Nel frattempo mi piace segnalare la presenza in piazza di Daniele Magro, fresco campione d’Italia ma ancora evidentemente molto legato alla nostra realtà da cui, mi sembra di capire, molti faticano a staccarsi.

Prova ne è che, forse per la prima volta dal raggiungimento della massima serie, l’ossatura della prossima stagione sarà la stessa di quella precedente. Con la conferma di Moore, a cui tra breve seguirà quella di Michele Antonutti, Pistoia riesce ad avere mezza squadra già pronta i primi di luglio e composta da una serie di elementi di qualità che conoscono bene il sistema Esposito. Non mi sembra banale.

Se si considerano le squadre che tradizionalmente occupano la parte destra della classifica, inoltre, sfido a trovare una coppia di play interessante come quella composta da Ron e David. Pare inoltre che finora siano stati spesi quelli che, tutto sommato, possono essere considerati pochi soldi. Trova conferma, infatti, l’indiscrezione già anticipata secondo la quale quest’anno investiremo forte sul ruolo di due.

Cari amici, gira un nome che fa tremare il polso del sottoscritto. Non lo scrivo perché non ho certezze e quindi non voglio alimentare un’eventuale grossa delusione, ma se arrivasse proprio lui, per dirla alla Piccinini, bisognerà riaprire la campagna abbonamenti in pompa magna. Speriamo, staremo a vedere.

Giacomo Galanda [Foto Maestripieri]
Giacomo Galanda [Foto Maestripieri]
L’unica vera certezza sta nel fatto che abbiamo la versione 2.0 di Gek Galanda, sul cui ruolo finalmente viene fatta chiarezza. Pareva assurdo avere un asso nella manica di tale caratura e dare l’impressione di non sfruttarlo a pieno, vero o no? Da oggi sappiamo che Giacomo non si occuperà più di prima squadra – questa non è una gran sorpresa per chi conosce alcune dinamiche – e produrrà il grosso dei propri sforzi nella realizzazione della cittadella, ovvero di un complesso di strutture ricettive, ricreative e sportive su cui si fonderà la prosperità della pallacanestro pistoiese negli anni che verranno.

Mi fido di Gek e sono fiducioso come lui, gli anni più belli di questo nostro giochino meraviglioso debbano ancora venire.

[Luca Cipriani]

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento