TOMASI PRESENTA LA NUOVA GIUNTA COMUNALE

Anna Maria Celesti, Alessandro Capecchi, Margherita Semplici, Alessandro Sabella, Gianna Risaliti, Alessandra Frosini, Gabriele Magni e … prossimamente un assessore in quota Lega. Con Alessio Bartolomei unico nome oggettivamente spendibile
Il Sindaco Tomasi presenta la Giunta

PISTOIA. «Grazie per essere qui, siate presenti anche al primo consiglio comunale per farci sentire la vicinanza e il peso del nostro ruolo» ha detto il neo sindaco Alessandro Tomasi in una Sala Maggiore quasi piena per la presentazione degli assessori.

«Ho aumentato il numero dei membri della giunta – ha tenuto a precisare il primo cittadino – perché l’amministrazione deve essere efficiente nel dare risposte e affrontare velocemente i problemi. Prima capitava che gli assessori nemmeno conoscessero i dipendenti della macchina comunale.

Questi i nuovi incarichi: Anna Maria Celesti, vicesindaco con delega alla salute, sociale ed edilizia residenziale; Alessandro Capecchi, con le delicatissime deleghe al governo del territorio, urbanistica, mobilità urbana e metropolitana, trasporto pubblico e organizzazione della macchina comunale; Alessandra Frosini, con pubblica istruzione, lavoro e edilizia scolastica.

Presentazione giunta Tomasi in Sala Maggiore 2

Poi  Alessandro Sabella, con politiche giovanili, turismo, partecipazione, manifestazioni iacopee e politiche della collina e montagna; Gianna Risaliti, con le deleghe strategiche all’ambiente, servizi a rete (acque ed energia), rifiuti, vivaismo, sviluppo economico e commercio.

Infine Margherita Semplici, con bilancio, partecipate, patrimonio e rapporti con il Consiglio Comunale; Gabriele Magni impiantistica e promozione sportiva e innovazione informatica. L’ultimo e ottavo assessore, che spetta alla Lega Nord, secondo partito della maggioranza, non è ancora definito.

Nel Carroccio locale e toscano ci sono infatti dei problemi, in particolare dei veti interni su Alessio Bartolomei… ma del resto la Lega a Pistoia non esiste (i voti sono stati di opinione, andando al simbolo e alle battaglie di Salvini), non ha cioè nessuno da proporre se non lo stesso Bartolomei, che ha preso il 40% delle totali preferenze espresse e che giustamente, dopo venticinque anni di opposizione, vuole essere messo alla prova.

Presentazione giunta Tomasi in Sala Maggiore

«Ho ridotto del 10% le indennità e, condividendo l’impostazione della giunta precedente, per senso di responsabilità, non ci saranno benefit tipo telefoni o altre spese. Ho fiducia nei miei collaboratori e delegherò molto.

«Manterrò fino a fine anno le deleghe all’area metropolitana, polizia municipale e sicurezza e alla cultura, vista la caratura anche internazionale degli interlocutori dell’anno di Pistoia Capitale.

«Ringrazio Stefano Cristiano per la rinuncia all’incarico in Publiacqua su nomina del precedente sindaco: da lui mi divide tutto ma ne apprezzo la coerenza. Ringrazio anche Sacchettini, che si è messo a disposizione per gestire la transizione senza percepire lo stipendio, garantendo con responsabilità la gestione ordinaria del teatro Manzoni.

«La risposta di Gianna Risaliti riassume lo spirito di questa giunta: mi ha infatti detto che prima ci doveva pensare e chiedere alla famiglia. Si tratta del resto di persone tutte impegnate con il proprio lavoro, a disposizione della collettività per una parentesi della vita e con la difficoltà di conciliare il proprio impegno con la sfera privata».

Una battuta anche sul tema dell’ascolto dei territori e dei beni comuni: «Sabella non starà rinchiuso in ufficio, esploderebbe insieme all’ufficio dopo due giorni. Lo “sguinzaglieremo” per seguire i patti di collaborazione con le Pro Loco e sviluppare comitati di zona, all’insegna di una partecipazione vera e non calata dall’alto».

[Linea Libera]

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento