#tomasichallange. SUI SOCIAL VIRALI I VIDEO A SOSTEGNO DEL CANDIDATO SINDACO

Da un lato il potere che fa quadrato e si appella alla paura: Vannino Chiti, Caterina Bini e tutti i sodali della razza padrona. Dall’altro la semplicità e il sorriso dei pistoiesi comuni che fanno politica con la passione del civismo
I civici di Pistoia Concreta con Alessandro Tomasi

PISTOIA. Da qualche giorno su facebook impazza la moda di dichiarare in un breve video, dai venti secondi al minuto, un motivo per sostenere Alessandro Tomasi al ballottaggio del 25 giugno.

Si tratta di un’iniziativa lanciata dai civici della lista “Pistoia Concreta”: dopo l’enunciazione delle ragioni per portare Tomasi sullo scranno più alto di palazzo di Giano vengono nominate altre persone e la catena si propaga.

Numerose le donne e i giovani, tanti anche i volti nuovi che mai hanno fatto politica e ora vogliono metterci la faccia. Tra sorrisi e leggerezza ognuno sciorina la propria sensibilità: chi è al mare in costume, chi in montagna, chi sul treno e chi a spasso in centro di sera o in un locale.

«Io voto Tomasi perché viene dal mondo del lavoro ed è vicino ai valori dei lavoratori» dice Stefano Losco, classe 1986. Altri giovani e meno giovani sottolineano poi la fiducia personale o la conoscenza, da parte di Tomasi, dei problemi delle zone periferiche e montane.

«Ho apprezzato l’impegno e le proposte concrete nei dieci anni di consiglio comunale» aggiunge Emanuele Gelli, capolista e più votato tra le api civiche. Nominato, non può sottrarsi lo storico consigliere Alessandro Capecchi, che sfoggia l’ironia indossando una maschera da zombie: «Tomasi non ci vede come dei mostri, a differenza di certa sinistra, ma per quello che siamo, persone».

Vannino Chiti e Caterina Bini si mobilitano per Bertinelli sindaco

E qui è evidente lo sfottò indirizzato alla campagna di paura montata in questi giorni da parte degli uomini del partito-stato che controlla da decenni la città: una campagna basata sul terrorismo psicologico, con tanto di telefonate insistenti a destra e a manca, ma che tradisce il timore che l’esito del ballottaggio possa rivelarsi un treno in faccia.

Del resto sabato mattina al mercato erano sopraggiunti tutti i gerarchi del Pd a fare quadrato e distribuire i volantini a sostegno di Samuele Bertinelli.

C’era il senatore Vannino Chiti, ex sindaco ed ex presidente della Regione, come pure la deputata Caterina Bini, l’assessore regionale Federica Fratoni e l’iper renziano Massimo Baldi: tutta quella che una volta si sarebbe chiamata “razza padrona”.

Così, se gli uomini del potere appaiono in visibile fibrillazione, al punto che l’usuale livello di boria e supponenza di alcuni sembra già ridimensionato, sempre più pistoiesi comuni si lanciano, con creatività e leggerezza, in una coinvolgente campagna elettorale all’insegna della genuina passione per la vita e i problemi della polis.

[Linea Libera]

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT09G0626013807100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento