TORNA IL TRENO SULLA PORRETTANA

PRACCHIA. Da domenica 14 giugno, con il cambio orario, riprende anche il servizio ferroviario sulla linea Porrettana, interrotto dal marzo scorso per l’emergenza Covid-19.

Si riparte con un servizio sperimentale, limitato per ora al giorno festivo, e mirato alla fruizione turistica della linea, con un collegamento diretto da Firenze e dall’area metropolitana verso la montagna.

Si rafforza anche l’offerta durante la settimana: alla coppia di bus, che era rimasta anche nel periodo del lockdown, con servizio diretto ai pendolari, si aggiungono alcune coppie di bus anch’essi in orari utili per i turisti oltre che per i pendolari.

“Sono novità importanti – commenta l’assessore a trasporti e infrastrutture, Vincenzo Ceccarelli –, che sostengono il bisogno di mobilità crescente di questa fase di ripartenza, ma si tratta soprattutto, per questo territorio, di un contributo ad un progetto che si basa sulla vocazione al turismo sostenibile”.

Il treno che viaggerà da domenica prossima sarà un Jazz, per un totale di 130 posti a sedere disponibili (50 per cento dei posti offerti), con possibilità di trasporto bici. Il treno partirà da Firenze alle 8.44 e raggiungerà Porretta Terme alle 10:15. Durante la giornata verranno effettuate varie corse fra Porretta Terme e Pistoia. servendo tutte le stazioni della tratta. L’ultimo treno partirà da Porretta Terme alle 18:24 per arrivare a Firenze Smn alle 20:08.

Nella tratta Firenze-Pistoia fermerà a Rifredi, Sesto, Prato Centrale, Prato Porta al Serraglio, Montale.

L’accesso al treno avverrà con titolo di viaggio ordinario.

Il servizio ferroviario verrà sospeso per il periodo in cui la Porrettana sarà interessata da un’interruzione dal 13 luglio al 9 agosto, per lavori programmati sulla linea, per poi riprendere per l’intero periodo estivo.

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email