TPL, LA TOSCANA PRIMA REGIONE IN ITALIA VERSO LA RIDUZIONE AL 50 PER CENTO DELL’UTILIZZO DELLA CAPIENZA DEI BUS

L’obiettivo è garantire maggiore sicurezza a studenti e lavoratori contro il Covid

Bus

FIRENZE. La Regione Toscana, prima Regione in Italia, si avvia verso la riduzione al 50 per cento della capienza dei bus con l’obiettivo di garantire un più elevato standard di sicurezza anti Covid a studenti e lavoratori.

Con un ulteriore stanziamento di 4 milioni di euro — che si va a sommare ai 3 milioni giù destinati a fine agosto ¯ la Giunta regionale ha infatti scelto di continuare a potenziare con servizi aggiuntivi – anche attraverso il ricorso a 200 bus turistici ed Ncc — il trasporto pubblico scolastico, in modo da garantire un maggiore distanziamento tra gli studenti e contribuire a limitare la diffusione del Covid-19.

“La Toscana è stata tra le prime Regioni ad autorizzare il ricorso ad autobus privati e Ncc per integrare le corse prevalentemente utilizzati dagli studenti— ha spiegato l’assessore regionale ai trasporti Stefano Baccelli — Questo ci ha permesso di garantire su tutti i mezzi in servizio il rispetto della soglia dell’80% della capienza fissato dal Governo”.

“Oggi con questa delibera facciamo un decisivo passo avanti perché grazie a questo investimento nei 200 bus aggiuntivi ed a un corretto e ben coordinato impiego della didattica a distanza prevista dal nuovo dpcm possiamo raggiungere l’obiettivo della riduzione ad un effettivo 50 per cento della capienza dei bus in Toscana, così da migliorare drasticamente il livello di sicurezza del trasporto pubblico locale per tutti gli utenti”.

“Grazie ai 3 milioni che la Toscana aveva stanziato con delibera a fine agosto – prosegue l’assessore – è stato finanziato fino ad oggi il lavoro di circa 200 bus mezzi, tra bus privati ed Ncc, per un totale di oltre 600 corse aggiuntive al giorno. I 4 milioni che stanziamo oggi serviranno per sostenere questo stesso livello di servizio aggiuntivo nel prossimi mesi”.

“Ringrazio la società One scarl, che gestisce l’esercizio — ha concluso l’assessore — per l’impegno dimostrato fino ad oggi nell’organizzazione di questi servizi di emergenza. Ringrazio anche le Province per il lavoro di monitoraggio e controllo che stanno portando avanti e gli Istituti scolastici per la disponibilità propositiva dimostrata”.

[toscana notizie]

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email