tribunale cattivo. MISERICORDIA BENEVENTO: CHI LAVORA DEVE RISCUOTERE

Il giudice del lavoro Cecilia Cassinari ha condannato la Misericordia di Benevento in una vertenza, dovuta all’ingiusto licenziamento del dipendente I.T. Un’altra mazzata da circa 30.000 euro in capo alla Confederazione di Firenze?

 

Il Tribunale di Benevento ha stabilito effetti di portata storica?

 

FIRENZE-BENEVENTO. La sentenza è di pochi giorni fa e cade addosso anche alla Confederazione di via Steccuto che avrà probabilmente disposto le sue valutazioni preliminari sull’opportunità o meno di resistere alla richiesta del dipendente di Misericordia di Benevento: questo è stato reintegrato sul posto di lavoro con la ricostruzione della carriera e rimborso delle spese sostenute, così direbbe la sentenza del Tribunale di Benevento firmata dal giudice Cecilia Cassinari.

Il Ceo della Confederazione nazionale, Roberto Trucchi, paga le consulenze legali ai professionisti del Consiglio? E quanto le paga?

Non possiamo ancora pubblicare la sentenza che però abbiamo richiesto all’avvocato Paolo Sanchini, già membro del Consiglio Nazionale, consulente, procuratore legale della Misericordia di Benevento e già delegato alle espulsioni (in Pistoia) che sicuramente ci concederà in versione integrale, al fine di fare i necessari commenti (e così far conoscere agli oltre 100.000 volontari) le somme che la Misericordia di Benevento dovrà liquidare in favore del dipendente, oltre alle spese di giudizio al cui pagamento è tenuta la parte soccombente.

Interessante sarà anche conoscere il capitolo delle spese legali che la Misericordia (o la Confederazione nazionale?) ha sostenuto per la conduzione di questa vertenza giudiziaria.

Sembra che la Misericordia di Benevento sia una confraternita speciale per come destinata a fare da “rompighiaccio” sulle questione delle relazioni dei dipendenti con le associazioni di volontariato, questo grazie – ci dicono alcuni volontari – alla pervicacia e arroganza di alcuni dirigenti e non solo locali.

Ma su questo torneremo non appena avremo la sentenza e l’auspicata intervista con l’avvocato Paolo Sanchini.

Alessandro Romiti
[alessandroromiti@linealibera.info]


Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email