tromboviolini. ECCO PERCHÉ L’USL E I SUOI ADDETTI STAMPA SONO INAFFIDABILI. 2

Sul caso Vito D’Anza, quello che avevamo avanzato come ipotesi più di un mese fa è ora pienamente confermato nel silenzio della direzione aziendale e degli uffici-veline
Vito D'Anza
Vito D’Anza

PISTOIA. Torniamo ancora sul problema dell’inaffidabilità dell’informazione (?) Usl-Centro Toscana e dei suoi addetti stampa (?). E ci torniamo con perfetta cognizione di causa.

Il 27 febbraio 2016, più di un mese fa, alle 18:31 abbiamo pubblicato questo articolo: san[t]ità. vito d’anza sollevato dal primariato?. Chiedevamo al signor Morello Marchese del Ciocco se l’ipotesi che stavamo facendo era attendibile o meno: che Vito D’Anza veniva sollevato dall’incarico di responsabile dei Servizi psichiatrici. I curiosi si rileggano quello che avevamo scritto.

Al tempo stesso chiedevamo all’ufficio veline dell’Asl di darci risposte in merito: è un loro dovere (art. 2, comma 2, Legge istitutiva dell’ordine dei giornalisti: prestare attenzione collaborativa ai colleghi).

Il Signor Marchese del Ciocco se n’è ben guardato dal rispondere: lui sa solo organizzare cacce al tesoro nel resort della famiglia Marcucci. Tanto qualsiasi cosa accada non pagherà mai: è al sicuro sotto l’ala del Granduca della Sanità dei tagli e delle ruberie (di Massa).

Lettera Morello Marchese
Lettera Morello Marchese

Non contenti di essere stati snobbati – perché il Pd sa solo ignorare i diritti all’informazione della gente comune – siamo tornati sull’argomento con questo articolo: tromboviolini. ecco perché l’usl e i suoi addetti stampa sono inaffidabili. Nessun effetto neppure in questo caso: quod demonstrandum erat, come direbbe qualcuno.

Ora, per favore, gente dell’Asl e dell’ufficio veline che non sanno rispondere ma solo elogiare il potere in sella, leggetevi bene cosa scrive lo stesso Morello Marchese del Ciocco sul caso Vito D’Anza (e non Danza come scrive l’impreciso amanuense incaricato della vergatura della lettera delle direttive). E diteci se non lo avevamo già detto, piaccia o non piaccia, più di un mese fa: nei dettagli e nei particolari sostanziali e veri.

Perché è vero che non abbiamo alcun P[otere] D[emocratico] tipico di chi comanda e sparge sostanze organiche sui sudditi facendo come gli pare: ma è altrettanto vero che non siamo imbecilli come i lacchè del P[otere] D[emocratico] vorrebbero farci apparire.

E non ci faranno tacere neppure le benevole commissioni di disciplina.

[Edoardo Bianchini]

Vedi: Lettera Morello Marchese

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

One thought on “tromboviolini. ECCO PERCHÉ L’USL E I SUOI ADDETTI STAMPA SONO INAFFIDABILI. 2

Lascia un commento