TUTTI CONTRO LA CHIUSURA DEGLI UFFICI POSTALI

La manifestazione di ieri a Pistoia
Proteste alle Poste Centrali di Pistoia [1° settembre 2015]
FIRENZE. Ormai la data prevista dalle Poste per la chiusura di 59 uffici in Toscana in territori prevalentemente rurali e montani, si avvicina. Ma aumenta anche il grado di protesta di amministratori e cittadini che domani, giovedì 3 settembre, alle 10, si danno appuntamento in via Pellicceria a Firenze dove è situata la sede regionale delle Poste.

“Una battaglia – commenta il Presidente di Uncem Toscana, Oreste Giurlani – che dura ormai da tanto tempo, e ciò vuol dire che tranne per pochissimi casi, Poste Spa non ha mai ascoltato le esigenze dei territori, dei cittadini, dei Sindaci, delle istituzioni regionali, insomma alle Poste evidentemente non interessa il bene della comunità. Ma non possiamo accettare che i territori si indeboliscano dei servizi essenziali, non possiamo accettare che Poste pensi solo agli interessi propri, e non accettiamo neanche che a pagare le spese siano sempre quei territori montani, isolati, marginali e rurali che sono meraviglie assolute ma che piano piano vengono spogliate dei servizi base come quello postale”.

I comitati dei cittadini davanti alla Prefettura
I comitati davanti alla Prefettura [1° settembre 2015]
“Allora scendiamo ancora una volta in piazza e speriamo che questa volta Poste ci ascolti e che intervenga anche il Governo – aggiunge Giurlani – perché le abbiamo provate tutte, ricorsi al Tar, manifestazioni in ogni piazza dei Comuni interessati, incatenamenti, proteste di ogni tipo, ora la grande manifestazione di Firenze batterà l’ultimo colpo, speriamo quello decisivo a favore dei territori e cittadini della Toscana”.

[uncem toscana]

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT64H0306913834100000008677 su Intesa San Paolo Spa - Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento