TUTTI “ROSSI” DI VERGOGNA

Il Comitato 21 Marzo denuncia...
Tutti Rossi di vergogna
Tutti “Rossi” di vergogna

FIRENZE. Sulle foibe la Regione Toscana all’unanimità accoglie, a pochi giorni dell’anniversario della lotta partigiana al fascismo e al nazismo, una vergognosa proposta neofascista.

A questo link https://www.facebook.com/q3.gavinana/posts/1057375834332617:0  il comunicato stampa del laboratorio politico perunaltracittà.

comitato 21 marzo

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

One thought on “TUTTI “ROSSI” DI VERGOGNA

  1. Buon giorno….scusate signori comunisti duri e puri…di solito mi fate tenerezza. ora mi fate un po senso. certo che le foibe sono cosa diversa dei campi di sterminio nazisti, ma ci vuole poco per capire che qui l’intento non è di sminuire le colpe nazifasciste, ma semplicemente di ricordare che violenze efferate ci sono state anche in campo avverso. Dopo 70 di silenzio assoluto imposto dalla dittatura pseudo- culturale dell’intellighenzia (molto in malafede e molto stupida) di sinistra finalmente si parla anche dei poveracci (che erano per lo più civili inermi) infoibati, stuprati, privati dei loro averi ad opera dei comunisti titini con la graziosa collaborazione dei nostri partigiani rossi. A proposito, visto che contrariamente ai tedeschi, noi non abbiamo mai fatto i conti con la nostra storia, occorre anche precisarvi cari smemoratelli, che fino al 1943 in Italia c’erano più gatti a pistoia che partigiani in giro per l’Italia…eravamo entusiasticamente fascisti e entusiasticamente ci siamo fatti le leggi razziali…dopo tutti comunisti e ammazza preti (ma non figurativamente…alcuni vostri “eroi” si sono dilettati nella caccia al partigiano bianco e all’ammazza prete nei mesi precedenti l’aprile del 1945). Mi chiedo solo fino a quando ancora, nei libri di storia si continuerà a sorvolare su cosa fu quel periodo e come davvero si comportarono gli italiani….mi chiedo perchè, visto che non volete accostamenti, non si istituisca una giornata mondiale per ricordare le vittime dei gulag, lo sterminio degli oppositori nei regimi comunisti sparsi per il mondo: inifinitamente superiori come numero a quelle fatte dal nazifascismo e altrettanto scientifiche, nell’annullare la personalità del prigioniero prima di causarne la morte.
    Buona giornata, cari memorialisti a senso unico
    Massimo Scalas

Lascia un commento