UN ACCORDO PER LO STOCCAGGIO DEI REPERTI ARCHEOLOGICI DI GONFIENTI

L’interporto della Toscana Centrale metterà a disposizione della Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio spazi e due container

accordo sovrintendenza e interporto toscana centrale

PRATO. È stato firmato nella sede di Palazzo Pitti a Firenze l’accordo fra la Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio e l’Interporto della Toscana Centrale, che prevede la messa a disposizione da parte del polo logistico di Prato di spazi e di due container per lo stoccaggio dei reperti archeologici. Si tratta di materiale proveniente dagli scavi etruschi, che verranno messi in sicurezza all’interno dei container in attesa di essere sottoposti agli approfondimenti tecnici da parte del personale della Soprintendenza. I container saranno collocati all’interno di un’area di proprietà dell’Interporto della Toscana Centrale, nelle vicinanze della zona del Mulino.

Alla firma dell’accordo per la Soprintendenza erano presenti il soprintendente di Prato, Firenze e Pistoia Andrea Pessina e Gabriella Poggesi, mentre per il polo logistico di Gonfienti c’era il direttore Daniele Ciulli. La collaborazione si inquadra in un rapporto di sintonia che si è instaurato fra le parti negli ultimi anni, e che adesso porterà nei primi giorni del 2022 alla messa a disposizione dei due container.

“L’Interporto della Toscana Centrale è da sempre molto attento agli aspetti culturali del territorio dove risiede – dice il direttore Daniele Ciulli -. E quindi ben venga la possibilità di potere dare il nostro contributo di fronte a una necessità che ci è stata espressa direttamente dalla Soprintendenza. L’Interporto di Prato è sempre presente di fronte alle richieste della città”.

[ufficio stampa interporto]

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT64H0306913834100000008677 su Intesa San Paolo Spa - Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email