UN MESE SPECIALE PER TANTI BAMBINI BIELORUSSI

Bambini bielorussi a Pistoia
Bambini bielorussi a Pistoia

PISTOIA. Si è conclusa con il lancio di tante piccole lanterne colorate nei cieli di Pistoia la bellissima serata di sabato scorso in cui più di un centinaio di persone hanno partecipato alla festa di saluto organizzata al termine del periodo di soggiorno di un gruppo di bimbi bielorussi.

Anche quest’anno infatti, come accade ormai da una quindicina di anni, diversi bambini provenienti dalla Bielorussia, di età compresa tra i 7 e i 13 anni, hanno trascorso il mese di giugno nella nostra città, accolti dalle famiglie che hanno aderito all’iniziativa I bambini di Chernobyl promossa e coordinata dal Circolo Legambiente di Pistoia e dal suo presidente Antonio Sessa.

Durante la loro permanenza hanno frequentato il centro estivo, organizzato e gestito da un gruppo di volontari che si sono impegnati al massimo senza risparmiare tempo ed energie, ma hanno avuto anche la possibilità di effettuare diverse escursioni per conoscere il nostro territorio.

“Questo progetto – spiega Antonio Sessa – ha innanzitutto lo scopo di offrire ai bambini che abitano nelle zone maggiormente colpite, e purtroppo ancora largamente contaminate, dallo scoppio della centrale nucleare di Chernobyl un soggiorno climatico in una zona salubre per potersi liberare dalle tossine accumulate nel loro paese, sensibilizzando al contempo i cittadini che i rischi e le conseguenze legate a questo evento sono ancora ben lontani dall’essere risolti. Vorrei anche far presente che in queste aree, a causa del clima particolarmente secco, nel periodo estivo si sviluppano spesso incendi di grande entità che causano nuove ricontaminazioni proprio in quelle regioni che hanno ricevuto il maggior fallout dal disastro nucleare”.

Bambini bielorussi a Pistoia
Bambini bielorussi a Pistoia

“Il periodo di soggiorno – continua Sessa – è letteralmente volato e adesso rimane un po’ di tristezza per il vuoto ed il silenzio che questo bel gruppo di bimbi ha lasciato nelle nostre case e nelle nostre vite. Naturalmente c’è già tanta voglia di ripetere tale progetto anche l’anno prossimo, in cui tra l’altro cade proprio il trentesimo anniversario dall’incidente, ospitando magari un gruppo ancora più numeroso in modo da poter offrire a nuovi bambini questa esperienza speciale”.

“Con l’occasione – conclude il Presidente di Legambiente Pistoia –, oltre ad esprimere la mia gratitudine alle famiglie e ai volontari, rivolgo un caloroso ringraziamento a tutti coloro che hanno reso possibile, con il loro prezioso aiuto, l’ottima riuscita di questo progetto ed in particolare: Fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia, Dynamo Camp, Circolo Craal Breda, Don Carlo Bonaiuti, Misericordia di Pistoia, Conad Viale Adua, Divini Sapori, Café Leblanc, Milena Fiori, Circolo Arci di Santomato”.

[legambiente pistoia]

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento