UN PRATO AL POSTO DELL’EX “CINEMA MODERNO”

Così si presenta l’ex Cinema Moderno
Così si presenta l’ex Cinema Moderno

QUARRATA. A quattro anni di distanza dall’approvazione del progetto definitivo/esecutivo per i lavori di riqualificazione dell’area ex Cinema Moderno e riqualificazione area mercatale, la giunta municipale di Quarrata ha deciso di apportare una variante al secondo stralcio di quel progetto esecutivo, riguardante l’acquisizione, la demolizione e la sistemazione dell’area.

Il progetto – redatto dall’arch. Flavio Petretti, dall’ing. Luca Mario Vannucchi per la parte strutturale e dal geom. Enrico Vannucci per la parte riguardante la sicurezza – è stato approvato e parzialmente finanziato dalla Regione Toscana con Decreto 2223 del 19 maggio 2015, in attuazione del decreto 5102/2009 e del decreto 3492/2010.

Cinema Moderno a Quarrata. Veduta aerea
Cinema Moderno a Quarrata. Veduta aerea

Tuttavia tale progettazione “risulta oramai datata” e non risponde neppure alle esigenze attuali della collettività e deve essere rivisitata in funzione delle modificate caratteristiche ambientali e sociali dell’area di intervento.

Poiché in base alle indicazioni fornite dalla Regione i lavori (l’importo complessiivo ammonta a € 425.061,57) dovranno essere aggiudicati entro il 19 agosto, e iniziare prima di novembre per essere conclusi e rendicontati entro i 18 mesi successivi, l’amministrazione comunale ha dato, quale indirizzo progettuale, quello di sostituire alla previsione di un’area completamente pavimentata in calcestruzzo, la realizzazione di un’area a verde comunque destinata ad area mercatale.

Per la variante – composta di numerose relazioni tra cui quella con le indicazioni per la demolizione dell’ex cinema Moderno – sono stati incaricati gli stessi tecnici del progetto originario.

Il quadro economico prevede lavori per € 292.380,88 di cui  € 42.957,30 per oneri per la sicurezza. Oltre a questa cifra sono previsti  € 132.680,69 a disposizione (tra cui la maggior parte – 50 mila euro – necessari all’acquisto dei locali del Cinema presso il Ministero dello Sviluppo Economico e 48 mila per spese tecniche, comprensive di oneri previdenziali e Iva – certificazioni, prove sperimentali, sondaggi, prelievi, analisi chimiche, ecc).

La parete esterna del Cinema Moderno a Quarrata
La parete esterna del Cinema Moderno a Quarrata

In un centro fin troppo urbanizzato la scelta di optare per realizzare un’area a verde è più che condivisibile in quanto permetterà di creare una sorta di polmone verde in mezzo al cemento.

L’auspicio è che il progetto preveda aree per bambini e anziani dotate di arredi e di un’illuminazione idonea.

Rimane il rammarico di vedere – dopo la demolizione dell’ex cinema Moderno – scomparire uno degli ultimi stralci della storia di Quarrata, ancora presenti.

E lo diciamo con cognizione di causa avendo frequentato negli anni dell’infanzia e dell’adolescenza quei locali prima da spettatore (attività cinematografica) e poi come membro dell’associazione Pro Loco (che ha tuttora la sede nell’atrio del vecchio cinema – n.d.r.).

Vedi anche:

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT64H0306913834100000008677 su Intesa San Paolo Spa - Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

2 thoughts on “UN PRATO AL POSTO DELL’EX “CINEMA MODERNO”

  1. Abbiamo chiesto il progetto, come consiglieri.
    Ce lo daranno a settembre.
    Posso solo dire che non va bene il metodo.
    La storia di Quarrata passa dal Moderno, dalla pianta secolare in piazza della Vittoria, dalla fontana di acqua pubblica (la prima della storia delle nostre zone, altro che fontanelli)…..e loro, come novelli Unni, travolgono tutto con concorsi tra architetti di Bergamo o di Matera…….e la gente del posto?
    Si deve fidare e zitta.
    A me, non sta bene.

    Alessandro Cialdi, capogruppo consiliare Insieme per Quarrata

  2. IL COMUNICATO STAMPA DEL COMUNE

    Riqualificazione area ex-cinema Moderno

    L’Amministrazione Comunale, al termine di un lungo iter burocratico è riuscita ad acquisire l’area dell’Ex Cinema Moderno, ultima struttura anni ’50 del centro cittadino.
    Sono già in corso le procedure per l’individuazione della ditta che si aggiudicherà i lavori di demolizione dell’edificio, comprensivi dello smaltimento della copertura in Ethernit, e della riqualificazione dell’area.
    Al posto del Cinema l’Amministrazione intende realizzare un’area verde con un giardino verticale.

    Il costo complessivo dell’opera è stimato in circa 425.000 euro, comprensivi dei costi di acquisizione dell’area. L’intervento avrà il sostegno da parte della Regione Toscana che finanzierà parte delle opere di riqualificazione dell’area, che in passato hanno riguardato anche la sistemazione di p.za della Costituzione, attraverso un contributo pari a 166.000 euro.

    La partecipazione economica della Regione Toscana alla realizzazione di questo intervento impone tempi stretti per l’esecuzione. I lavori inizieranno, come richiesto dai decreti regionali, entro la metà di ottobre e si prevede che possano concludersi entro la fine del 2016, in anticipo rispetto alla scadenza massima fissata dalla Regione in 18 mesi.

    “Finalmente siamo entrati in possesso di questa struttura fatiscente, ultimo ricordo della Quarrata del Dopoguerra – dichiara il Sindaco Mazzanti. Procederemo alla sua demolizione e alla realizzazione di un’area a verde a disposizione di tutti i quarratini, completando così l’intervento di riqualificazione dell’intero centro della nostra città”

Lascia un commento