“UN PRATO DI LIBRI”, FESTIVAL DELLA LETTURA PER BAMBINI E RAGAZZI

Prato. La presentazione dell’iniziativa

PRATO. Presentato ieri il programma di Un Prato di Libri, il festival della lettura per bambini e ragazzi organizzato dall’associazione “Il Geranio onlus” giunge alla quinta edizione.

Nato nel 2007 nel reparto di Neuropsichiatria Infantile dell’Ospedale di Prato ha tenuto a battesimo i primi incontri con scrittori, illustratori di libri e musicisti.

Poi il progetto è cresciuto, grazie anche all’inesauribile entusiasmo di educatori e volontari. Letture, animazioni, incontri, spettacoli teatrali e musicali hanno via via occupato tanti luoghi della città, invadendo anche i teatri e le scuole.

Oggi un Prato di libri è una manifestazione che abbraccia tutto il territorio provinciale, coinvolge oltre 16mila partecipanti e 70 scuole fra materne, primarie e secondarie di primo grado, 11 librerie, la biblioteca Lazzerini e 17 esercizi commerciali.

“Il comune di Prato – al pari di tutte le altre istituzioni coinvolte – è un partner progettuale fondamentale per un Prato di Libri: oltre all’apporto economico diretto, Campolmi, saletta Valentini, Palazzo Pretorio, Castello dell’Imperatore sono messi a disposizione di un progetto di rete che copre l’intero territorio provinciale, dalla Valbisenzio al Montalbano – ha affermato l’assessore alla cultura Simone Mangani –. L’apertura all’alba sulla terrazza del Pretorio è l’evidenza simbolica di questo legame, il primo appuntamento della tre giorni 7/8/9 aprile sarà infatti sul tetto del Palazzo che raccoglie la storia della città”.

“Si tratta di un progetto che coinvolge le scuole pratesi di ogni ordine e grado. Per noi è importante collaborare affinché l’integrazione continui attraverso il mondo della scuola — ha dichiarato l’assessore Mariagrazia Ciambellotti —Questi appuntamenti sono un’occasione per i ragazzi per confrontarsi con la realtà”.

Il dépliant

Sono infatti pervenute 114 richieste di adesione al progetto quest’anno, si stimano quindi intorno ai 10.000 studenti con i relativi docenti. 320 le adesioni al concorso, 79 gli appuntamenti, 12 le notti bianche, 3 le mostre.

L’obiettivo è continuare a promuovere percorsi di sviluppo personale, culturale e formativo dei giovani in un’ottica di rete inclusiva – ha spiegato Giulia Benelli dell’associazione “Il Geranio onlus” –. Il valore aggiunto di Un Prato di libri è la partecipazione ben integrata di bambini e ragazzi con disabilità, alunni con diversità di lingua e cultura di provenienza, ragazzi che presentano un disagio scolastico di tipo sociale, economico e comportamentale e esperienze di alternanza scuola lavoro”.

Il festival vero e proprio si svolgerà dal 7 al 9 aprile ma già a partire da marzo saranno più di 70 gli eventi in programma tra presentazioni di libri, laboratori, notti per lettori insonni e mostre: la metà rivolti alle scuole e l’altra metà al pubblico.

Scrittori, illustratori, artisti, narratori e musicisti esploreranno il tema della quinta edizione I Classici legati da un filo in un Prato di libri, liberi di crescere nella diversità.

Questo tema farà da filo conduttore al concorso di disegni, fotografie, filastrocche, poesie, video e libri d’artista che abbiamo lanciato in tutte le scuole della provincia all’inizio dell’anno scolastico 2016-2017.

I punti di forza e di novità della quinta edizione di un Prato di libri 2017 saranno:

  • L’inaugurazione del festival all’alba del 7 aprile con la poetessa e scrittrice Giusi Quarenghi sulla sommità della terrazza di Palazzo Pretorio che presenterà Ascolta, salmi per voci piccole.
  • Gli incontri con Giacomo Mazzariol al Teatro Politeama e con Don Mazzi in Palazzo Vescovile venerdì 7 aprile. L’incontro con Massimiliano Verga in Lazzerini sabato 8 aprile alle 11
  • Gli incontri di Germoglio di filosofia: invasione della filosofia come pratica di vita, che non è solo sui libri ma nella vita quotidiana come chiave creativa che può essere utilizzata come problem solving nel mondo del lavoro. Tre appuntamenti per mercoledì 5 aprile di cui due in Lazzerini alle 17.30 con Romano Madera per adulti e la Valigia del filosofo per i bambini e uno alle 21 dal titolo: Le radici del pensiero. Gli alberi ci aiutano a ragionare
  • Maratona di lettura: lettura animata ad alta voce per bambini seguita dalla sfilata del Gruppo Bovari Svizzeri provenienti dal Trentino Alto Adige/Sudtirol che porteranno i giovani al contatto diretto con gli animali per promuovere la fiducia, l’attenzione e rispetto verso l’altro. I 10 cani traineranno carrettini pieni di libri provenienti dai comuni della Val di Non che doneranno a un Prato di libri
  • Staffetta di lettura nella giornata del 20 maggio per le vie del centro di Prato in occasione della Festa finale con pic-nic nel Castello dell’Imperatore
Il logo
  • Le due mostre-novità di quest’anno: la mostra fotografica Leggevo nel Prato con i personaggi della provincia di Prato con il loro libro preferito che leggevano quando erano piccoli in Biblioteca Lazzerini per tutto il mese di aprile e la mostra in Palazzo Datini in collaborazione con Archivio di Stato di Prato, Fondazione Casa Pia dei Ceppi e Casa Museo Sigfrido Bartolini di Pistoia dove avrà luogo l’interessante intreccio fra i libri d’artista del concorso dei ragazzi e i libri antichi che per l’occasione saranno esposti insieme
  • Geena Forrest in Camera di Commercio in doppio appuntamento il sabato 8 aprile mattina e pomeriggio per parlare di Api con degustazione del miele degli apicoltori pratesi
  • La notte bianca per adulti il 17 giugno in collaborazione con il consorzio Santa Trinita.

A queste e tante altre novità si aggiungono gli ormai consueti appuntamenti come il Libribus in Cap realizzato grazie alla disponibilità di Cap autolinee pratesi, lo spettacolo di teatro disegnato di Gek Tessaro, i concorsi, i laboratori e tanto altro ancora.

“Ringrazio tutti gli enti e tutte le istituzioni che continuano a darci fiducia e a sostenere questo progetto. Il cuore del festival è ad aprile ma gli eventi vengono organizzati durante l’anno. Per questo ringrazio tutti quelli che ci aiutano a realizzarlo” ha concluso Giulia Benelli.

[comune prato]

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento