UN SINDACO, UN SASSO NELLO STAGNO E… UN “NAZARENO LILLIPUZIANO”?

Spifferi gelidi su una consiliatura ad alto rischio con un Sarteschi non più ‘grato agli dèi’. E c’è chi parla di soluzioni estreme come estremo rimedio postepifanico
Nazareno lillipuziano - Comune-di-Pistoia
Senza parole

PISTOIA. Il sasso lanciato nello stagno del consiglio comunale dal Sindaco, con il suo discorso contro gli assenteisti, contro i post su Facebook e la relativa pusillanimità, produce cerchi sempre più larghi.

La reazione della Consigliera Carla Breschi, che non ci sta a farsi dare la pagella e dichiara che voterà solo i provvedimenti che la convinceranno in pieno e la cena “alla carbonara” tra ex Assessore e consiglieri della fronda, ci hanno fatto riflettere, scrivere e commentare: ma ecco che altri spifferi soffiano gelidi su questa consiliatura, proprio in sintonia con il meteo di questi giorni.

Ci dicono, infatti, che il Sindaco Bertinelli abbia convocato l’opposizione per il giorno 7 gennaio. Da definire, però, il concetto d’opposizione perché si potrebbe trattare anche di opposizione interna. Diciamo che si vocifera che il Sindaco, stanco della zoppìa della sua maggioranza, ha deciso di dare un assessorato a un rappresentante della minoranza.

Diciamo che si azzarda anche qualche nome: Anna Maria Celesti, per esempio – che è già venuta in soccorso di Bertinelli qualche volta, garantendo il numero legale, il che darebbe vita a un “Nazareno lillipuziano” ma superefficace.

Alessio Bartolomei - IMG_0269
Via via… vieni via da qui [Benigni]
Anche Alessio Bartolomei sarebbe tra i papabili a ricoprire l’incarico di Assessore, in questo caso per l’antica personale amicizia e la stima della persona che lo lega al Sindaco, ma sinceramente il consigliere, già scudocrociato, da qualche mese a questa parte appare distante, disincantato e tendente all’evasione dalla sala consiliare, più che a farsi ingaggiare in una Giunta un po’ disastrata e disidratata.

Dalla solita parte, vicina all’attuale maggioranza, giunge anche la notizia che il Sindaco non gradirebbe più che a fare il capogruppo in consiglio comunale per il Pd fosse l’avvocato Sarteschi, dal momento che Bertinelli si sentirebbe – così dicono – poco appoggiato e/o difeso.

Qui – sia chiaro – noi ci limitiamo a riferire quanto gentilmente ci hanno voluto soffiare, ma dal canto nostro non ci sentiamo di escludere che nascano nuove coalizioni con a fondamento una comune matrice socialista: del resto se la maggioranza non regge, quello del Sindaco diventa un percorso a ostacoli, con tutti i rischi che ne possono derivare.

Vediamo cosa porta la Befana quando scenderà dal campanile…

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

One thought on “UN SINDACO, UN SASSO NELLO STAGNO E… UN “NAZARENO LILLIPUZIANO”?

  1. Alberto Lapenna scrive su fb :

    Paola escludo nel modo più assoluto che forza Italia possa andare a soccorrere il sindaco bertinelli!
    Eravamo e siamo alternativi alla sinistra.
    Il patto del nazareno e’ un’altra cosa. Siamo disponibili a riscrivere le regole a più mani così come fecero i nostri padri costituenti ma il ruolo di f. I . Lo hanno deciso gli elettori, opposizione.

Lascia un commento