UNA CAMPAGNA INFORMATIVA DI COMUNE E ALIA CONTRO L’ABBANDONO DEI RIFIUTI

Prima l'affissione di grandi manifesti ed ora anche video sui social
Uno dei manifesti

PISTOIA. Al bando “incivili” ed “indegni”! Questo lo slogan della campagna fatta dall’Amministrazione comunale e realizzata insieme ad Alia SpA contro gli abbandoni nel comune di Pistoia, che si è conclusa nei giorni scorsi.

Una campagna affissioni d’impatto, con immagini di luoghi dove nessuno vorrebbe vivere, teatro di abbandono e conseguente degrado: obiettivo dei messaggi e delle foto volutamente in bianco e nero è richiamare l’attenzione di chi le guarda, invitando tutti ad utilizzare i numeri telefonici in evidenza, ricordando che il ritiro dei rifiuti ingombranti a casa è gratuito.

I due soggetti delle affissioni, in cui si rammenta che “abbandonare i rifiuti è un atto Indegno/Incivile, oltre che un reato”, sono stati posizionati in via delle Mura Urbane, delle Pappe, Laudesi, Mercati, Bonellina, Parallela e N. Sauro per poter raggiungere la massima copertura dell’area comunale.

Conclusa questa prima fase, la campagna prosegue ora con due video della durata di circa 15”, veicolati principalmente sui social network, in linea con quello che è il trend contemporaneo, che privilegia il coinvolgimento attraverso brevi sequenze che intercettano l’attenzione, mantenendo alta la permanenza nella visualizzazione.

Insieme all’attività informativa, prosegue la dissuasione attraverso l’intervento della Polizia Municipale, impegnata nell’attività di controllo e sanzione contro gli autori degli abbandoni. Il lavoro di controllo della Polizia Municipale, iniziato a seguito delle registrazioni delle telecamere, ha permesso di concludere cinquanta accertamenti in trenta giorni nel mese di settembre, mentre per i mesi di ottobre e di novembre le pratiche sono tuttora in corso.

L’assessore Gianna Risaliti

I primi verbali riguardano soprattutto l’abbandono dei rifiuti sia urbani che ingombranti fuori dai cassonetti, per i quali è prevista una sanzione fino a 400 euro. Un lavoro complesso, che sulle registrazioni dal 1° al 30 settembre ha permesso di individuare 46 persone residenti nei Comuni vicini a Pistoia, soprattutto Prato e Montemurlo, ma anche Agliana, Quarrata, Montale e Serravalle Pistoiese. Gli altri 4, invece, sono cittadini di Pistoia.

“La campagna fatta con Alia, prima tramite affissioni ed ora attraverso video sui social, è una campagna di sensibilizzazione ed anche di presa coscienza dei gravi danni all’ambiente ed al decoro che – dichiara l’assessore all’ambiente del Comune di Pistoia Gianna Risaliti — si commettono avendo questo tipo di comportamento.

Le foto e le immagini utilizzate nella campagna non sono di un’altra città o di un altro paese ancora da civilizzare, sono, invece, foto della nostra città, delle nostre strade. Sono l’esatta rappresentazione di comportamenti tenuti, magari, dal nostro vicino di casa, da nostro figlio, dai nostri genitori e, perché no, forse da noi stessi.

Vorremmo che questa rappresentazione della realtà, di una brutta realtà, facesse scattare in ognuno di noi la voglia di rispettare se stessi, il proprio ambiente, le persone . Che ci aiutasse a capire che dobbiamo cambiare radicalmente i nostri comportamenti ed aiutare anche gli altri, che ancora non l’hanno capito, a farlo”.

[comune di pistoia]

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT09G0626013807100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento