UNA COMMISSIONE PER MONITORARE SPESE E IMPOSIZIONI FISCALI

Andrea Quaranta
Andrea Quaranta

MONTECATINI. [a.b.] È stata presentata dal gruppo consiliare di Forza Italia a firma di Andrea Quaranta e Alberto Lapenna una mozione per l’istituzione della commissione speciale “allo scopo di monitorare la spesa e verificare ogni possibile soluzione per la sua revisione e diminuzione con conseguente alleggerimento fiscale per i cittadini”.

L’iniziativa nasce dalla volontà del gruppo consiliare azzurro di voler collaborare “pur dai banchi dell’opposizione” a risolvere i problemi che assillano i cittadini ma anche alla luce della crisi economica che sta attraversando da tempo Montecatini Terme.

I cittadini montecatinesi – si legge nel testo della mozione – sono pressati da una imposizione fiscale senza precedenti in conseguenza anche delle misure adottate dalla Giunta Municipale ed approvate dalla maggioranza “. Il gruppo consiliare di Forza Italia aveva votato contro al provvedimento. Secondo i consiglieri Quaranta e Lapenna le misure fiscali adottate dall’amministrazione comunale “determineranno un ulteriore appesantimento del carico fiscale”.

Alberto Lapenna
Alberto Lapenna

In attesa tuttavia che il Governo Renzi adotto le azioni necessarie per una diminuzione delle tasse il gruppo consiliare di Forza Italia con la mozione ritiene importante e doveroso da parte del Comune l’avvio di un “serio monitoraggio e controllo della spesa con la conseguente diminuzione dell’imposizione fiscale locale”. La commissione dovrà essere composta dai rappresentanti consiliari delle liste presenti nel consiglio comunale o da tecnici loro delegati. La mozione sarà inviata a tutti i capigruppo di Forza Italia presenti in provincia di Pistoia.

“A nostro giudizio, oltre a fare un appello al governo Renzi tendente a diminuire le spese superflue, anche i comuni – scrive Alberto Lapenna – hanno l’obbligo di fare il proprio dovere in un momento in cui le famiglie non riescono ad arrivare alla fine del mese. L’auspicio è che anche a Montecatini si adotti il metodo “Cottarelli” con la raccomandazione che non si chiedano più entrate, attraverso l’aumento delle tasse, per fare più spese . Ricordo che negli ultimi due anni, se è vero che ci sono stati minori trasferimenti dallo Stato al Comune, è anche vero che Montecatini ha incassato circa 2 milioni di euro l’anno con la tassa di soggiorno”.

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento