UNA MONTAGNA CHE MUORE FRA GLI SBERLEFFI DI TUTTI

Non può essere abbandonata solo perché “ci sono meno abitanti che in un condominio di viale Adua a Pistoia”
Roberto Prioreschi
Roberto Prioreschi

MONTAGNA. Sarebbe utile non solo un articolo ma anche fare sì che la politica facesse qualcosa per la Montagna, cosa che in 68 anni di Repubblica non ha mai fatto e questo anche per salvare le aree forti di pianura.

Il problema non è quello che non arrivano più i giornali a Cutigliano e l’Abetone!

Le poste chiudono, gli sportelli bancari chiudono, le ferrovie non si comportano meglio, l’ospedale è stato dimezzato ed è diventato un pronto soccorso per chi ha bisogno di un cerotto, la strada è quella del granduca, le attività produttive sono penalizzate e poi … nel più completo disinteresse di tutte le forze politiche, nessuna esclusa, la Montagna è morta.

La transappenninica, per un piccolo smottamento avvenuto il 5 gennaio scorso, è lì non agibile che aspetta ancora l’intervento di risistemazione.

L’unica strada per arrivare all’Orsigna è mezza franata da almeno 7 mesi. Nessun intervento. Non ci sono i soldi. Ma quelli rubati alla comunità montana che fine hanno fatto?

Sembra che i soli interessi della classe politica locale e non solo siano quelli di coltivare il proprio orticello, che vorrebbe dire pensare solo a sé stessi, fregandosi altamente della gente che li ha eletti.

Non è possibile andare avanti così.

Questo è un forte grido di dolore che dovrebbe essere quantomeno valutato anche perché non è più possibile accettare discorsi come quello del senatore Vannino Chiti che ha detto che ci sono più persone in un condominio di viale Adua a Pistoia che in tutta la montagna e quindi … fatela poco lunga.

Certi discorsi non possono essere accettati, a maggior ragione se provengono da persone che dicono di appartenere alla sinistra.

Roberto Prioreschi

APPENDICE

_________

LA POLITICA DEI NUMERI HA ASSASSINATO LA MONTAGNA
A integrazione di quanto riportato dalla stampa a proposito del tavolo di concertazione
tenutosi a Cutigliano il 22 luglio 2014, dal titolo “Continuando così la Montagna muore”, ecco questo spezzone-video con l’intervento del Sindaco di Cutigliano Braccesi, del mio e di quello di Sauro Romagnani: https://www.youtube.com/watch?v=x0U7uTUMDc8&feature=em-upload_owner

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

One thought on “UNA MONTAGNA CHE MUORE FRA GLI SBERLEFFI DI TUTTI

Lascia un commento