UNA REGIONE DI FESTE, FESTONI E FESTINI

La Fascia Tricolore della Regione Indipendente della Toscana
La Fascia Tricolore della Regione Indipendente della Toscana

FIRENZE. Iniziamo con il botto, quello che si fa in talune feste – perché di feste e ricorrenze appunto si parla nella risoluzione n. 2 del 7 luglio 2015 “Indirizzi per le funzioni di rappresentanza delle sedi consiliari” – destinate, per fini ovviamente istituzionali e di alta rappresentanza, alle glorie della Toscana, che da iniziale «una» si è auto-riprodotta in altre e varie forme.

In Toscana sarà sempre festa e alle ricorrenze nazionali e religiose si farà baldoria nelle sale consiliari non solo il 30 novembre per la consueta Festa della Toscana, ma anche:

  • Il 25 marzo per festeggiare il Capodanno Toscano, riconosciuto fino al 1750
  • Il 27 aprile per celebrare (udite udite leghisti e secessionisti d’Italia!), l’Indipendenza della Toscana – Salvini ora, Bossi prima sono dei ragazzi e diventeranno Rossi, di vergogna – avvenuta con l’esilio di Granduca Leopoldo II, nel 1859
  • Il 13 luglio per festeggiare la niente meno che prima seduta del Consiglio Regionale, Indipendente e festaiolo.

Le feste si sono moltiplicate e moltiplicheranno anche i finanziamenti, perché “senza lilleri non si lallera”.

E questa è solo una risoluzione. Con una specifica legge, la n. 59 del 21 luglio, i nostri dipendenti – detta alla Grillo –, dopo aver visto (verbo utilizzato nella stesura delle norme, non a caso sinonimo di guardare – la Costituzione, aver riletto una manciata di deliberazioni, hanno voluto colmare un grave vuoto normativo e lavare l’onta che, fino ad ora, ricopriva i poveri Consiglieri Regionali. Non sia mai detto che il Presidente del Consiglio Regionale o della Giunta, quando impegnati (sic così è sulla legge) in pubbliche manifestazioni, siano da meno di un Sindaco o di un Consigliere Comunale delegato, e che non possano indossare una fascia di riconoscimento al fine di renderli ben visibili nell’adempimento delle loro funzioni.

Festa in Consiglio
Festa in Consiglio

Al solo fine di poter meglio adempiere al loro alto dovere di guidare le masse popolari, da ora in poi indosseranno in pubblico una fascia “di colore bianco, con due bande di colore rosso che costeggiano i bordi della stessa, e frange alle due estremità di colore argento.

In prossimità di tali frange sono apposte due coccarde del tricolore italiano, una per ogni lato. In posizione centrale, ai fini della sua immediata visibilità, è sovrapposto il Pegaso raffigurato nello stemma con la scritta “Regione Toscana” in argento”. Lilleri per il 2015 cinquemila… e c’è andata bene, perché con la stessa legge hanno effettuato un riordino complessivo degli altri segni distintivi della Regione.

IMPARIAMO A CONOSCERGLI

Tutti per uno, uno per tutti. Dalle destre alle sinistre
Tutti per uno, uno per tutti. Dalle destre alle sinistre…

Consiglieri proponenti della legge 59 sono:

IL FRUTTO DEL LORO LAVORO PAGATO DA NOI

Ripassate la lezione (e piangete):

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT64H0306913834100000008677 su Intesa San Paolo Spa - Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

One thought on “UNA REGIONE DI FESTE, FESTONI E FESTINI

Lascia un commento