UNANIME CORDOGLIO PER LA SCOMPARSA DEL DOTTOR PIERO TAITI

Stamani si sono tenute le esequie nella chiesa di Santa Maria al Soccorso. La società italiana di medicina fisica e riabilitativa: “Taiti, un pilastro della riabilitazione Toscana”

Dal sito della Simfer

PRATO. [a.b.] La Società Italiana di medicina fisica e riabilitativa con un messaggio ai propri soci ha ricordato la figura del dottor Piero Taiti, scomparso nei giorni scorsi, in un incidente stradale.
“Socio d’onore della Simfer è stato un pilastro della riabilitazione Toscana. Segretario regionale dal 1993 al 1999 ha diretto l’ospedale di Prato e la Riabilitazione di Prato fino al 30 Aprile 2007.

Uomo moderato e gentile sapeva portare avanti le proprie idee con decisione ed un sorriso e credeva nell’integrazione e nel farsi cura dicendo che dovevamo essere attenti anche alle piccole cose perché per chi non ha niente anche il poco è tutto”.
Anche l’Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri di Prato ha voluto ricordare le doti professionali, culturali e umane di Taiti.

Anffas Prato, l’ente dove era attualmente direttore sanitario, ha affidato il suo ricordo ad un post sulla pagina facebook dell’associazione dove si ribadisce il ruolo di “padre patriarcale”, lo “spessore” e la grande Umanità di Taiti quale “uomo del dialogo”.
Su facebook Francesco Toccafondi ha infine ricordato l’impegno culturale del noto medico: “Dopo la specializzazione in neuropsichiatria infantile sentì la mancanza di una maggior preparazione filosofica.

Si iscrisse alla facoltà e si laureò con una tesi su Bisswanger (medico filosofo svizzero) che discusse col prof. Rossi. Sono stato presente all’evento e mi piace ricordarlo in questo triste giorno per aggiungere qualcosina alla memoria di un grande interprete della nostra comunità”.

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT64H0306913834100000008677 su Intesa San Paolo Spa - Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email