unsenepoppiù. «FORZA NUOVA» RISPONDE ALLE DICHIARAZIONI DEL VESCOVO TARDELLI

Forza Nuova insiste

 

FIRENZE-PISTOIA. Riceviamo e pubblichiamo:

In merito alle dichiarazioni di Sua Eminenza (non sappiamo se vorrebbe essere una eminenza, cioè un cardinale – n.d.r.)  il vescovo Tardelli, ci troviamo a dover rispondere, con la devozione filiale dovuta, in quanto esponenti di un movimento che vede nel cattolicesimo uno dei suoi cardini.

Forza Nuova, che non è una sedicente organizzazione ma un movimento politico, deve necessariamente, per la sua identità cattolica, denunciare apertamente quando il clero devia profondamente dalla propria missione; nel fare questo mette in atto quel sensus fidei che è proprio della comunità dei fedeli.

Infatti la nostra denuncia trova largo consenso nei credenti, disorientati totalmente da scelte incomprensibili; da decenni, a partire dall’ultimo concilio, si invoca a gran voce una maggior partecipazione dei fedeli alla vita della Chiesa, qualsiasi cosa ciò voglia dire, salvo poi pretendere che accettino passivamente determinate situazioni e voler imporre il silenzio quando un movimento politico di matrice cattolica si fa giustamente latore di tali istanze.

Si tratterebbe di un indegno clericalismo, più volte denunciato in quest’ultimo pontificato, se i fedeli accettassero di tacere, limitandosi a lamentele private, di fronte ad uno scandalo pubblico.

Il nostro movimento è e sarà sempre dalla parte della fede e dei suoi legittimi rappresentanti, per quanto quest’ultimi preferiscano prendere le distanze, per convenienza politica e seguendo il dogma politicamente corretto, preferendo invece aperture a qualsiasi realtà, anche apertamente contraria al cristianesimo. Quali siano i risultati di questa calcolata strategia lo vedremo nei prossimi anni, ma la situazione generale della Chiesa non mostra di trarne grande giovamento. Al contrario i fedeli sono sempre più attratti da quelle realtà ecclesiastiche che dimostrino di rifarsi ad una tradizione millenaria e non ad innovazioni moderniste.

Siamo certi quindi di agire cristianamente e cattolicamente rinunciando ad ogni clericalismo e facendo sentire apertamente la nostra voce, come è diritto dei fedeli, affinché sia messa la parola fine ad una situazione che va a minare ulteriormente la credibilità della Chiesa.

Ufficio Stampa Forza Nuova Toscana
19/12/2019 – Ufficio Stampa Forza Nuova Toscana
ufficiostampaforzanuovatoscana@gmail.com


I SUPERALCOLICI BRUCIANO IL CERVELLO:
RAGAZZI, POSATE FIASCHI E BOCCE!

Fanno male alla salute

 

ORA, SE DECIDESTE di mettere un punto a posizioni inconciliabili e, perciò stesso, di pura retorica, ve ne saremmo grati.

Così don Biancalani la pianterebbe di fare la ruota con le sue posizioni alla Malgioglio; gli antifascisti smetterebbero, almeno per qualche minuto, di vedere fascisti dappertutto, e sua Eccellenza potrebbe andare a letto, per un po’ di sere, senza l’incubo di essere una fortezza sotto attacco.

Ma non siete capaci, tutti, di fare le vostre cosine senza voler a tutti i costi affermare i vostri punti di vista imponendoli a chi non la pensa come voi?

La chiesa è allo sfascio totale come i preti, dal momento che, fra tutti, non sono altro che uomini o forse solo pover’uomini disorientati e impauriti dalla morte che comunque li raggiungerà e dalla quale sperano di difendersi con gesti eclatanti: una umanità così non può salvarsi; è condannata in partenza.

Auschwitz. E Kuhn, pur vecchio, pregava dio di non farlo andare in camera a gas

Forse Quello lì dovrebbe esistere davvero: e sparare razzate come faceva su Sodoma e Gomorra. Vorrei vedervi tutti – indistintamente – con il «cacàcciolo» al culo tremare disperati simili a quell’ebreo di Auschwitz che fece tanto incazzare Levi perché chiedeva a dio di essere risparmiato, lui, vecchio, felice di vedere andare a morte tanti giovani attraverso la selezione nazista:

«Non capisce Kuhn che è accaduto oggi un abominio che nessuna preghiera propiziatoria, nessun perdono, nessuna espiazione dei colpevoli, nulla insomma che sia in potere dell’uomo di fare, potrà risanare mai più? / Se io fossi Dio, sputerei a terra la preghiera di Kuhn» (P. Levi, Se questo è un uomo).

Figli del vostro tempo sciagurato, non fate come la signorina Greta: andate a scuola. Anche di notte. E invece di studiare sui tablet e di copiare sui e con i telefonini, sforzatevi a imparare le cose dai libri. Altrimenti sbagliate un vescovo per un cardinale e confondete un fascista con un fascione da bicicletta.

Siete – prendetene coscienza – delle povere marionette che sanno solo fingere di recitare una parte.

Fàtela finita. Amen!

Edoardo Bianchini
[direttore@linealibera.info]
E dio, secondo l’epopea di Gilgamesh, mandò il diluvio universale
perché un giorno, mentre riposava, fu svegliato da una massa
di rompicoglioni che sbraitavano facendo un rumore insopportabile


Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email