uomini e donne. SE L’OMOSESSUALITÀ È UNA SQUADRA PER CUI TIFARE

uomini-e-donne
Ma… politicalli + corrett: «Donne & Uomini»

PISTOIA. Succede che, attorno le tre di pomeriggio, godendoti un sano e leggero Uomini e Donne, la conduttrice Maria De Filippi si alzi e vada a far ballare il nuovo tronista gay che, a differenza degli altri due etero, non è stato invitato da nessuno dei suoi corteggiatori per danzare a suon di musica.

Scatta immediatamente l’applauso del pubblico presente, con facce commosse e urla da stadio. L’omosessualità è diventata una squadra per cui fare il tifo. E la tattica è quella vincente: puntare sulla commozione del pubblico belante e politicamente correttissimo.

Il tutto, ovviamente e non a caso, avviene dopo l’approvazione della legge Cirinnà che concede un po’ a chiunque di unirsi in una specie di matrimonio. Insomma, che senso avrebbe altrimenti creare il presupposto per un fidanzamento tra persone dello stesso sesso, se poi queste ultime non possono suggellare la loro unione davanti al rappresentate dello Stato?

Unioni civili
Unioni civili

E per questa variante televisiva c’è bisogno di un «insegnante di sostengo», come una Maria De Filippi che si prende la briga di far danzare un uomo che, in base ai propri gusti, proprio non avrebbe voluto toccare e sentire lei, a una donna, una sua potenziale antagonista.

Niente da dire sui gusti. È al contrario deplorevole lo svilimento cui abbiamo assistito quel giorno, attorno le tre di pomeriggio, quando un ragazzo gay è sembrato un “invalido bisognoso di aiuto”.

Noi a casa, invece, avremmo bisogno di assistenza proprio da parte della De Filippi. Dovrebbe aiutarci a spiegare ai nostri figli o fratelli minori il motivo per il quale un ragazzo gay viene sommerso di applausi e feste senza merito alcuno, mentre gli eterosessuali vivono nell’indifferenza generale.

[Lorenzo Zuppini]

_____________

È NECESSARIO rammentare, ai correttissimi della politica e della democrazia e a quelli che voteranno al referendum sulla Renzi-Boschi, ciò che recita l’articolo 21 della Costituzione a proposito della libertà di pensiero, scritto e parola…?

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT64H0306913834100000008677 su Intesa San Paolo Spa - Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

One thought on “uomini e donne. SE L’OMOSESSUALITÀ È UNA SQUADRA PER CUI TIFARE

Lascia un commento