VANNI, IL RINNOVAMENTO E LA “CITTÀ DELLA VALDINIEVOLE”

Il Sindaco Rinaldo Vanni
Il Sindaco Rinaldo Vanni

MONSUMMANO TERME. [a.b.] Rinaldo Vanni, Sindaco di Monsummano Terme è tornato sul tema degli accorpamenti dei comuni. Già in passato il primo cittadino nonché presidente della Provincia di Pistoia era intervenuto nel dibattito sull’unione-fusione dei Comuni.

Lo scorso anno Vanni aveva parlato di un “approdo verso la fusione” come azione da fare ovviamente di concerto con le altre amministrazioni comunali della Valdinievole e aveva auspicato allo stesso tempo la necessità di trattare il tema facendo “un ragionamento preciso” che partendo dal basso analizzasse la questione in modo specifico.

A questo proposito aveva incaricato il segretario comunale di Monsummano di fare una disamina normativa dell’unione e della fusione “per vedere quale sia la strada giusta da seguire” e aveva delegato la direttrice del Museo della Città e del Territorio di stilare un’analisi storica sull’evoluzione dei Comuni della Valdinievole.

“Apprendo con piacere, io l’avevo lanciato nel 2011 – ha scritto ieri Vanni sulla sua pagina facebook – la volontà di discutere su accorpamenti di comuni. Bene! Non mi convince troppo la proposta che taluni vanno avanzando una fusione di quattro comuni: Buggiano con Ponte Buggianese, Uzzano con Chiesina Uzzanese. Qualcuno potrebbe pensare, meglio che nulla…! Ma è una risposta? A parer mio no:

  • 1) perché parte dall’alto
  • 2) perché in un caso non si arriverebbe neanche a 15mila abitanti.

È ormai conclamato che gli accorpamenti hanno una ragione d’essere se si sta fra 30 e 50 mila abitanti, sotto questo numero è meglio non farne di niente. Personalmente credo che si debba pensare o alla città della Valdinievole o ad una forte aggregazione che riduca i comuni a 3/4”.

“Su questo tema – ha continuato Vanni – ritengo necessario e non più rinviabile una discussione aperta, partendo prima dai cittadini, dalle associazioni di categoria e con tutte le forze politiche che credono in una reale rivisitazione degli assetti istituzionali di questa Valdinievole, troppo ancora bellicosa. I Sindaci, in primo luogo, il Pd, si aprano ad un dibattito vero e serio. Credo che su questo punto con il Movimento 5 stelle si possa trovare motivo di confronto importante” .

“Nei prossimi giorni – ha concluso – insieme ad altri indicheremo una data ed una sede per iniziare un dibattito pubblico ed avviare una grande consultazione sul comune unico della Valdinievole o grandi accorpamenti.

“Come sempre da un cristallo di neve nasce la valanga. Diamo il via alla valanga di rinnovamento, farà bene a tutti!”.

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT64H0306913834100000008677 su Intesa San Paolo Spa - Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento