veleni. LOMBARDI: «IL PM 2.5 UCCIDE E QUI SI CONTINUA A INCENERIRE»

Air quality in Europe [Report EEA 2015]
Air quality in Europe [Report EEA 2015]
PISTOIA. [l.c.] L’ex Assessore all’ambiente del Comune di Pistoia, Ginevra Lombardi, ha commentato sul proprio profilo facebook i dati del recente report sulla qualità dell’aria realizzato dall’Agenzia Europea dell’Ambiente, European Environment Agency oppure, indifferentemente, Eea o Aea.

A fine novembre le prime pagine dei quotidiani nazionali e non solo, comunicavano all’opinione pubblica europea il triste primato dell’Italia, maglia nera per decessi prematuri dovuti a una serie di inquinanti presenti nell’atmosfera, prodotti prevalentemente da alcuni particolari processi industriali e dalle combustioni in generale.

Sappiamo bene che una buona parte della società, dall’occidente alle economie emergenti o ancora in via di sviluppo, accetta con rassegnazione le numerose situazioni di disastro ambientale e sanitario che minano le aspettative di vita.

L’indifferenza si condensa in espressioni del tipo “è il prezzo che dobbiamo pagare per il nostro benessere” e “non ci sono alternative, non possiamo fermare lo sviluppo”. Invece le alternative, che si parli di mobilità & carburanti, di energia o rifiuti, spesso e volentieri sono già attuabili e spesso praticate con indubbi vantaggi economici e di salute.

Ginevra Lombardi
Ginevra Lombardi

La Lombardi, professoressa dell’ateneo fiorentino, riporta l’attenzione sulla gestione dei rifiuti solidi urbani (che – giusto ricordare – rappresentano circa il 20% dei rifiuti totali, gli altri sono quelli speciali) e scrive:

Chi ci amministra quali interessi tutela?

Nel 2012 In Italia si sono persi 652200 anni di vita a causa del PM2.5 che ha provocato decessi prima del raggiungimento della aspettativa di vita.

Siamo il primo Paese europeo per la dimensione del fenomeno (fonte: EEA Report No 5/2015 Air quality in Europe — 2015 report).

Nel 2012 viene approvato il piano interprovinciale rifiuti che quintuplica i volumi dei rifiuti da incenerire destinando 300 milioni di euro per potenziare gli impianti esistenti o costruirne di nuovi.Questo nonostante la crisi abbia prodotto una drastica riduzione nella produzione di rifiuti.

Nel 2014 il piano regionale dei rifiuti conferma la necessità di incrementare i volumi da incenerire…

Vedi anche:

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT64H0306913834100000008677 su Intesa San Paolo Spa - Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento