viale arcadia & guai. ATTENZIONE ALLA TRAPPOLA DEI SEMAFORI

Il Semaforo sotto accusa di Viale Arcadia
Il Semaforo sotto accusa di Viale Arcadia

PISTOIA. È proprio vero che al peggio non c’è mai fine. “Ci chiediamo con quale logica, sconosciuta a noi umani, abbiano deciso di modificare la durata dei semafori” commentano alcuni cittadini pistoiesi che percorrono giornalmente viale Arcadia con la propria auto.

Da qualche tempo, infatti, i due semafori che si trovano lungo la strada, da sempre parecchio trafficata, sono stati “regolamentati” ed “aggiustati” per qualche incomprensibile motivo.

Forse per rendere più fluido e scorrevole l’accesso a via Fermi e andare in Sant’Agostino? O perché si pensava che, in questo modo, gli automobilisti avrebbero “sfrecciato” con meno impeto sulla via, priva di dossi e autovelox (ma con telecamera…)? Non è dato saperlo.

Fatto certo, però, è che percorrere viale Arcadia, sia provenendo dalla rotondina che costeggia piazza della Resistenza, sia venendo dal lato opposto, ovvero da viale Matteotti e Porta San Marco, diventa alquanto difficile.

Per chi la mattina si immette nel viale, soprattutto durante l’ora in cui tutti più o meno si recano al lavoro, la “trappola” della fila è assicurata. Il verde dei due semafori dura più o meno qualche secondo. Giusto il tempo di schiacciare il piede sull’acceleratore. Poi torna subito il rosso e perdura  per non si sa quanto. Risultato? Per attraversare viale Arcadia ci vogliono circa 10 minuti.

Per non parlare degli sciagurati automobilisti che provengono da porta San Marco e che, al semaforo, possono decidere di continuare a percorrere il viale o svoltare a sinistra per entrare in via Enrico Fermi.

Bene. Fino a qualche tempo fa (come è sempre stato del resto) chi svoltava a sinistra poteva farlo  tra una macchina e l’altra proveniente dalla direzione opposta, oppure, se non si intravedeva alcuna auto all’orizzonte, si poteva svoltare non appena fosse scattato il verde.

Niente di tutto questo adesso. Il semaforo rosso dura un’eternità e, se sei in fila, il colore scarlatto scatta anche tre o quattro volte. Insomma, se da piazza San Francesco devi andare sul viale Arcadia, forse fai prima a piedi.

“Ora, ci chiediamo, è mai possibile che le cose debbano sempre cambiare in peggio?” si domandano alcuni cittadini. “Prima ci mettevamo la metà del tempo a percorrere viale Arcadia. E poi, quella adottata dall’amministrazione comunale, è una soluzione definitiva? Ci auguriamo che non lo sia, altrimenti spostarsi in auto a Pistoia diventa un inferno”.

[Alessandra Tuci]

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

3 thoughts on “viale arcadia & guai. ATTENZIONE ALLA TRAPPOLA DEI SEMAFORI

  1. Ho la soluzione!…visto che i ciclisti non usano la ciclabile perchè vogliono essere investiti (sai com’è…c’è crisi: qualche soldo dell’assicurazione vale qualche rischio….)…propongo che le auto vadano a scorrere sulla pista ciclabile e le bici stiano tranquille sulla strada….ma non è che la regolazione dei semafori è stata fatta proprio per questo motivo?
    Ossequi

Lascia un commento