vicofaro. LA DIOCESI: “ADDOLORATI PER QUESTI GRAVI FATTI”

Vicofaro oggi, interviene anche la Diocesi

 

PISTOIA. [a.b.] Prima ha pubblicato un post dove riferisce che una persona “passando davanti alla chiesa” si sarebbe messa ad insultare i volontari e gli ospiti migranti poi ha dato la sua versione su quanto accaduto “.. prendendosela con un ospite con problemi psichiatrici (lo stesso per il quale aveva chiesto aiuto anche al sindaco Tomasi?) che in forte agitazione si è scatenato contro un connazionale, ora domiciliato in un altro centro. “È accaduto questo. I carabinieri sono stati informati di tutto”.

Questa la versione data da don Massimo Biancalani sull’episodio di oggi a Vicofaro.

L’uomo che si è messo ad inveire contro il centro di accoglienza sarebbe stato denunciato. Non sarebbe infatti la prima volta che si scaglia contro l’operato dei volontari (ci sarebbero – come ha detto don Biancalani – dei testimoni).

“Faccio appello – ha concluso il parroco – a difendere Vicofaro”.

Su quanto accaduto oggi nel quartiere pistoiese è intervenuta anche la diocesi di Pistoia:

“Siamo addolorati per questi gravi fatti che anche oggi hanno turbato la popolazione di Vicofaro.

Episodi che oltre a costituire una minaccia per gli ospiti, non permettono certamente il crescere di un sentimento positivo di accoglienza e partecipazione.

Da alcuni giorni la diocesi sta lavorando per accogliere alcuni dei migranti di Vicofaro in altre strutture, per alleggerire la parrocchia e garantire le misure richieste per l’emergenza Covid-19. Uno sforzo che si scontra con molte difficoltà e molti limiti oggettivi.

Siamo consapevoli, come più volte sottolineato, della gravità della situazione.

Nei prossimi giorni verificheremo con le istituzioni cittadine ulteriori possibili soluzioni”.


5 minuti e mezzo a Vicofaro. Circola sui social


Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email