vivaismo. MANIPOLAZIONE SU PIANTE ORNAMENTALI RIENTRA NEL REDDITO AGRARIO

Piante vivaio

PISTOIA. Concimazione, zollatura, potatura e invasatura rientrano tra le attività di manipolazione delle piante ornamentali ed il regime fiscale a cui sono assoggettati i relativi ricavi è quello su base catastale, analogamente all’attività di produzione.

Lo ha chiarito l’Agenzia delle Entrate in una propria risoluzione, emanata il 29 gennaio 2018. Ferma restando la prevalenza della produzione propria, un vivaista produttore — che acquista piante da terzi (per ampliare la gamma produttiva), le sottopone ad attività di manipolazione e successivamente le rivende — consegue ricavi tassati su base catastale.

“ Un vantaggio ed un’ottima notizia per il vivaismo pistoiese — commenta Simone Ciampoli, direttore di Coldiretti Pistoia — che ha visto la nostra Confederazione impegnata a tutti i livelli istituzionali, perché venisse chiarito un equivoco che ha rappresentato un freno all’attività dei nostri imprenditori”.

“ Le attività di manipolazione a cui si fa riferimento sono — spiega il direttore di Coldiretti Pistoia — : concimazione e inserimento all’interno del terriccio di ritentori idrici; trattamento delle zolle, al fine di eliminare gli insetti nocivi all’apparato radicale; potatura, steccatura e rinvasatura”.

Si tratta di attività che necessitano della perizia dell’agricoltore e che conferiscono valore aggiunto alla pianta, al pari della crescita.

Il direttore di Coldiretti Pistoia Simone Ciampoli

“ Sono operazioni dirette a mantenere — aggiunge Ciampoli — gli alti standard qualitativi per cui le piante ornamentali pistoiesi sono famose nel mondo. Meritorie per questo di condizioni di vantaggio, anche per i benefici apportati all’ambiente dal settore che emette ossigeno già in fase di produzione”.

È di pochi giorni fa l’ennesimo allarme smog in Italia. Di fronte all’evidente cambiamento del clima in atto non si può continuare a rincorrere le emergenze ma — sostiene Coldiretti —  bisogna intervenire in modo strutturale favorendo nelle città la diffusione del verde pubblico e privato capace di catturare lo smog.

Le piante — sottolinea Coldiretti — concorrono a combattere le polveri sottili e gli inquinanti gassosi, ma in Italia ogni abitante dispone nelle città capoluogo di appena 31 metri quadrati di verde urbano, ma la situazione peggiora per le metropoli con valori che vanno dai 22 di Torino ai 17,9 di Milano fino ai 13,6 di Napoli.

Per questo — conclude Coldiretti Pistoia — è importante la risoluzione dell’Agenzia delle Entrate, oltre alle misure di defiscalizzazione degli interventi su giardini e terrazzi, anche condominiali, previsti per il 2018 nell’ultima manovra che introduce un bonus verde del 36%.

Una pianta adulta – ricorda Coldiretti – è capace di catturare dall’aria dai 100 ai 250 grammi di polveri sottili con un ettaro di piante elimina circa 20 chili di polveri e smog in un anno.

[coldiretti pistoia]

 

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento