VOLONTARIATO E DISABILITÀ, UN ESEMPIO DI COESIONE

Attivata la collaborazione tra l’unione italiana ciechi e Oltre. Gli ipovedenti avevano segnalato all’Amministrazione le maggiori difficoltà di spostamento con le norme su contingentamento e distanziamento

Attivata la collaborazione tra l’unione italiana ciechi e Oltre

PRATO. L’emergenza Covid-19 ha determinato problematiche di mobilità a causa del contingentamento e del distanziamento interpersonale da mantenere anche sui trasporti pubblici. Queste restrizioni hanno comportato per alcune persone affette da disabilità ulteriori ostacoli alla già problematica autonomia di spostamento.

Gli ipovedenti ed i non vedenti hanno segnalato immediatamente all’Amministrazione Comunale questa difficoltà a causa dell’impossibilità di accedere sull’autobus dalla porta anteriore che non consente all’utente con difficoltà visive di interloquire con il conducente per capire dove il bus è diretto o se questo è completo.

In attesa di ripristinare agevolazioni per accedere al servizio taxi, già in corso di studio da parte dei servizi comunali competenti, le associazioni di volontariato che hanno già una convenzione con il Comune di Prato per una serie di servizi che genericamente si possono descrivere come assistenza alla cittadinanza, hanno fornito la propria disponibilità per accompagnare in caso di necessità gli associati e non della Unione Italiana Ciechi e Ipovedenti.

Tra l’altro l’Unione Italiana Ciechi ed Ipovedenti dispone di un auto di servizio che spesso rimane ferma per l impossibilità di avere un volontario, anche operatore del servizio civile, che la guida. I volontari della Associazione Oltre hanno fornito la loro disponibilità, stabilendo un accordo con la U.I.C.I. di cui il Comune si è fatto promotore, per assistere i non vedenti ogni qualvolta sia compatibile con le loro altre attività d’istituto.

In occasione delle celebrazioni per il 610° anniversario della morte di Francesco Datini, è stata inaugurata la collaborazione tra l’Associazione Oltre e la U.I.C.I: molti non vedenti, tra cui la Presidente Stefania Scali, erano presenti, accompagnati in auto e poi a piedi, sia in Piazza del Comune per la deposizione della corona d’alloro presso la statua del Datini seguita dalla Messa nella Basilica di San Francesco e poi nella Casa pia de’ Ceppi in Via Ser Lapo Mazzei per la visita guidata che ha compreso anche le restaurate cantine di quella che fu la casa di Francesco di Marco Datini.

Un accompagnamento che proseguirà nei prossimi mesi grazie alla collaborazione con il volontariato.

[comune di prato]

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email