water war. «IL COMUNE CI STA INGANNANDO»

Publiacqua-PISTOIA. La bolletta che paghiamo e pagheremo fino al 2021 data di scadenza dell’affidamento del servizio all’attuale Gestore Publicqua è stata votata e quindi approvato dal Comune di Pistoia rappresentato dall’Assessore Belliti nell’aprile del 2014.

La nota inviata dal Comune di Pistoia nella quale si afferma che il Comune si sarebbe limitato ad approvare l’aggiornamento tariffario solo 2014-2015 senza aumenti, contiene due elementi in contraddizione con quanto scritto nella stessa delibera n. 6/2014 del 24 aprile.

Tale delibera infatti contiene l’approvazione del piano economico e finanziario (il costo della bolletta) non solo per gli anni 2014-2015 ma fino alla fine dell’affidamento del servizio al gestore datato al 2021.

La delibera a pagina 12 punto b recita di approvare: “i prospetti di piano economico finanziario (fino al termine dell’affidamento)”, quindi non solo per gli anni 2014 e 2015.

Per il solo parametro teta (adeguamento tariffario) ci si riferisce al 2014-2015. La seconda imprecisione riguarda i mancati aumenti che il Comune afferma di aver approvato nella suddetta delibera.

L’allegato 2 approvato dalla stessa Belliti come parte integrante della delibera n. 672014 (pag. 12 punto b della stessa) indica che i ricavi tariffari passano da 199.180.776 del 2014 a 214.091.516 del 2015 prevedendo quindi aumenti per gli utenti del 7% rispetto all’anno precedente.

Il dibattito democratico ha bisogno di verità e di trasparenza come presupposto per ogni processo di partecipazione e di leale confronto.

Acquabenecomune Pistoia e Valdinievole

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT64H0306913834100000008677 su Intesa San Paolo Spa - Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

One thought on “water war. «IL COMUNE CI STA INGANNANDO»

  1. Miei cari…la Belliti era là quel dì…ma a sua insaputa…e dunque non sapendo di esserci, non poteva nemmeno sapere di aver firmato per conto del Comune. Questa è ormai una nazione all’insaputa. Gli austriaci avevano capito tutto quando affermavano che l’Italia è un’entità geografica.
    Massimo Scalas

Lascia un commento