wleuropa & sangiorgio! TUTTI “TEDESCHI”, CERCATE DI CAPIRE PERCHÉ

Tornate pure tra le braccia rassicuranti del Pd ma riflettete su chi ispira le sante decisioni del non-presidente Mattarella. Ora la Germania ha bisogno di 50 miliardi di € per salvare la propria banca centrale e la propria economia e li cerca nelle tasche e nei risparmi degli italiani. Intanto 5 Stelle e sinistre corrono a pagare il biglietto…

IL CATTIVO ESEMPIO di un politico a vita. Nel 2004 il signor Giorgio Napolitano all’epoca europarlamentare viene tallonato da un giornalista della televisione tedesca sullo scandalo dei rimborsi per le spese di viaggio. Il video è andato in onda, in prima serata sulla tv tedesca, il 17 marzo 2004. Mai trasmesso né diffuso ufficialmente in Italia fino ad oggi dalla stampa di regime. Per un volo Roma-Bruxelles di 88 euro, otterrà un rimborso di 800, più altri 80 per il taxi e 268 come indennità di missione.

Giorgio Napolitano ha sempre avuto un pessimo rapporto con la trasparenza e con la legalità. La sua vita come uomo politico e di partito non può essere assolutamente presa da esempio per nessun motivo. Nel 1956, all’indomani dell’invasione dei carri armati sovietici a Budapest, mentre Antonio Giolitti e altri dirigenti comunisti di primo piano lasciarono il Partito Comunista Italiano, mentre “l’Unità” definiva «teppisti» gli operai e gli studenti insorti, Giorgio Napolitano si profondeva in elogi ai sovietici. L’Unione Sovietica, infatti, secondo lui, sparando con i carri armati sulle folle inermi e facendo fucilare i rivoltosi di Budapest, avrebbe addirittura contribuito a rafforzare la «pace nel mondo»…

Napolitano il democratico applaudì i carrarmati sovietici a Budapest [1956]
Eccolo all’aeroporto di Bruxelles. I parlamentari che arrivano qua riescono ad ottenere, normalmente per ogni volo, una grossa somma, perché viene rimborsata loro l’intera tariffa. Non ha importanza alcuna quanto essi devono pagare per il biglietto. E guarda caso che Bruxelles sia l’aeroporto Hub di una delle più grandi compagnie aeree low-cost in Europa. La Virgin vola da qui verso altre grandi capitali.

Lunedì di questa settimana. I velivoli della Virgin arrivano da tutta l’Europa. Ore 12.00: dal velivolo proveniente da Roma scende Giorgio Napolitano, parlamentare italiano dei Socialisti.

Napolitano è il presidente della commissione costituzionale, una fra le più importanti commissioni del Parlamento europeo. Per il volo di andata Roma-Bruxelles riceve dal Parlamento europeo un rimborso di circa 800 euro.

La sera prima abbiamo guardato in Internet per sapere quanto costa questo volo. Il prezzo totale, tasse comprese, era di appena 88 euro. Alla fine della giornata il parlamentare ha guadagnato netto la bella cifra di ben 710 Euro, che naturalmente finisce nelle sue tasche.


Giornalista: Quanto denaro ha ricevuto?

Giorgio Napolitano: Non dico nulla. Lei insiste in modo scortese. I questori potranno darle una risposta.

Giornalista: Ma questo è denaro pubblico.

Napolitano: Se non se ne va e non mi lascia in pace chiamo la Polizia.

E venne il nuovo Marco tedesco chiamato € e tutti furono più poveri di prima per fare ricchi i tedeschi

Giornalista: Sto facendo delle domande in rappresentanza dei cittadini. Questo è denaro pubblico. Lei ha pagato pochissimo per il volo, e adesso riceve tanto.

Napolitano: Parlo solo con i contribuenti italiani.

Giornalista: Ma i tedeschi pagano tantissimo per la Comunità Europea.

In realtà non avrebbe nulla da nascondere, poiché in base alla norma che gli stessi parlamentari hanno approvato, l’inganno dei voli a basso costo è perfettamente legale. 

Giornalista: Ciò che viene chiamata “ indennità di viaggio” rappresenta effettivamente un rimborso per le spese di viaggio?

Hans-Peter Martin: Quello che qua avviene ha poco a che fare con il rimborso delle spese di viaggio. Esso rappresenta un vero secondo stipendio. Solo quando si abita vicino al Parlamento non si ricevono tanti supplementi extra. In caso contrario, a partire da una certa distanza in poi si ricevono delle somme che vanno dai 20.000 ai 40.000 euro netti all’anno. E ciò naturalmente non è giustificabile, né tantomeno sostenibile in nessuna parte del mondo. Questa è la mia opinione.

Indennità giornaliere, indennità di segreteria, indennità di viaggio. Tre esempi lampanti di come i parlamentari europei possono fare tanti soldi.

Edoardo bianchini
[direttore@linealibera.info]
Già pubblicato in data 14 agosto 2013
Tornate alle vostre superbe ruine [Manzoni]


Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email