zucche piene & teste vòte. BEL CENTRODESTRA DEL MENGA QUELLO DELLA PIANA-SUD, NON C’È DUBBIO!

Pettegolezzi estivi di corse, rincorse e ricerca di voti per le regionali. Vengono fuori i noni di Irene Gori divinizzata dal senatore La Pietra e spuntano le manovre di Piero Lunardi introno a Federica Fratoni. Ma nel frattempo in Lega che succede? Vogliono pugnalare il Billi?

Il senatore Patrizio La Pietra la ha letteralmente divinizzata

 

DIVIDERÒ questo micro-commento sul centrodestra in fibrilla per le regionali (ma anche, a lunga gittata, per le amministrative future) in tre settori, due dei quali interconnessi secondo questo schema: da una parte il Comune di Serravalle Pistoiese e dall’altra l’area Quarratana, con due Comuni del centrodestra con effetto spumante stantìto (a Quarrata = che ha perso le bollicine e fa schifo).

SERRAVALLE PISTOIESE

Ago della bilancia a livello alto – come una sorta di novello Lorenzo il Magnifico – il senatore La Pietra, seguito (da presso) dal sindaco Piero Lunardi.

Per i nostri gusti il Magnifico ha già fatto fin troppa confusione con la Lega di Sonia Pira: dalla formazione forzata del gruppo disomogeneo di FdI (La Pietra-Giovannoni-Agostini) alle litigate con Elena Bardelli.

La ciliegina sulla torta il senatore ce l’ha messa scegliendo (ormai la politica è questa: decido io e non rompete le palle – viva la democrazia!), come candidata alle regionali, l’Irene Gori. Chi? Mi domando. Lei, che il senatore dice la benemerita di FdI in Quarratana (Quarrata-Agliana).

Personalmente mi piacerebbe vedere un elenco delle cariche di partito svolte nell’area, aldilà del semplice portare le bottigliette dell’acqua minerale a quello che è diventato sindaco di Agliana solo (lasciatemelo dire) per errore: quel Benesperi che ha fatto il diavolaqquatro per la trasparenza e che in questi giorni nega (per privacy: peggio di Rino e della D’Amico!) le sentenze e i provvedimenti del Consiglio di Stato o del Tar. Secondo me la vicinanza di madonna Aveta non gli fa bene affatto. Né a lui né all’agnellone assessor Ciottoli.

Il Sen. La Pietra e Sonia Pira festeggiano la vittoria del centrodestra ad Agliana

E a proposito: come vanno le lettere anonime e i ricatti all’interno del Comune di Agliana? Vi siete dati una mossa o avete deciso di non parlarne neppure in confessionale a don Tofani? Ridicoli davvero. Non me ne sono dimenticato, amministratori del nuovo corso!

Che c’entra, però, l’Irene Gori con Serravalle? C’entra perché sembra che il Magnifico le stia facendo la campagna elettorale chiedendo sostegno e appoggi anche alla sinistra dissidente serravallina. Diranno tutti di no, ma – personalmente – io ci credo: sono un po’ giochi ondeggioni e tentennoni da senatori…

Certo è bello, perché il babbo della Gori, Fiorello, è nato e cresciuto in Comune a Quarrata e poi, pensionandosi, ci s’è andato a rinfilare come consigliere. Se poi la figlia Irene gli passa a 400 € al giorno (più o meno la puppa che spuppa il popolo toscano), padre e figlia che lavorano, credo, insieme nel solito studio, saranno una vera e propria task force, come garba tanto dire ai post-politici del post-eriore. Del resto che volete? Intorno ai Comuni c’è un sacco di geometri. O chissà mai perché?

QUARRATANA

Qui entra in mezzo la Lega, ma non so quanto Sonia Pira o meno. Intanto il partito di Salvini su Pistoia e provincia è tranquillamente frantumato: a forza di voler tener tutto sotto ferreo controllo, la Lega è andata complessivamente fuori controllo e ora ne paga le conseguenze: sembra, infatti, una sbrisolona; uno di quei dolci secchi che li pigli in mano e finiscono tutti come in granella di mandorle.

Nella Lega non si parla solo di elezioni regionali, ma anche di previsioni per le prossime amministrative – e qui gli appetiti sembra si siano scatenati.

Oliviero Billi, Lega

Pronto a addentare Oliviero Billi, ex comandante della Gestapo di Quarrata prima che ne diventasse feldmaresciallo Marco Bai, occhio destro di Marco Mazzanti.

Lotta al coltello per presentarsi come candidato sindaco alle prossime quarratine e battere Gabriele Romiti, già in odor di santità post-mazzantica. Caramella, però: Billi non piace molto. Ha un’aria un po’ troppo a sottuttoìo che dà noia. Ha dato noia quando voleva fare l’assessore a Agliana e dà noia ora all’interno della Lega, dove stanno facendo di tutto per farlo fuori.

E personalmente glielo consiglierei anch’io di stare buono, ai margini e non fare tante bizze, visto che, proprio in questi giorni, come cadaveri, stanno per tornare a galla tanti piccoli problemi che lo chiamano babbo per questioni che si sono sviluppate anni fa quando lui era agente addetto all’edilizia. Anche lui geometra, credo. Via basta, ragazzi, fatela finita e posate il fiasco!

Dulcis in fundo, torniamo al sindaco Lunardi. Che, in mezzo a tutte le bisteccate della misericordia e le cene di solidarietà di questi ultimi giorni, sembra (mi hanno detto) che sia stato un po’ troppo vicino all’assessore Regionale Federica Fratoni – a tavola e ai tavoli.

A tavola perché ci ha cenato vicino-vicino; ai tavoli perché le ha fatto fare il giro a salutare la gente che cenava.

Ma voglio essere buono con Piero. Deve averlo fatto per cavalleria, dato che – lo sappiamo – è piuttosto sensibile alle belle donne.

Un saluto e un abbraccio alla Federica Fratoni, mia ex-allieva al liceo, per chi non lo sapesse!

Edoardo Bianchini
[direttore@linealibera.info]
Libertà di cronaca, critica, commento e Satana

Che ridere, ragazzi!

 

 

E se in Regione vincesse quel tentennone di Giani…?
Che inculata, eh?


Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

One thought on “zucche piene & teste vòte. BEL CENTRODESTRA DEL MENGA QUELLO DELLA PIANA-SUD, NON C’È DUBBIO!

Comments are closed.